People

A Hollywood la raccolta di costumi di Debbie Reynolds

Snobbata per decenni, troverà spazio al museo degli Oscar

 © EPA
  • di Alessandra Baldini
  • NEW YORK
  • 18 novembre 2020
  • 20:57

Troveranno degno spazio al nuovo Museo degli Oscar i costumi di scena dell'epoca d'oro di Hollywood collezionati con pazienza per cinquant'anni da Debbie Reynolds. Dal 1970 fino alla morte quattro anni fa la star di "Singin' in the Rain" aveva cercato senza successo di convincere l'Academy ad aiutarla a conservare la raccolta di abiti indossati sul set da dive come Liz Taylor e Judy Garland, ma per cinque volte aveva incassato rifiuti.
Le cose stanno per cambiare e l'Academy di recente si è presentata da Todd Fisher, figlio e unico erede dell'attrice, con il cappello in mano. "Mia madre non ha mai avuto rancori.
Non avrebbe mai voluto che ne avessi io, solo perché ricordo tutte le occasioni mancate", ha detto Todd al New York Times.
Afflitta dai debiti e nel disinteresse dei suoi ex colleghi, Debbie era stata costretta a mettere all'asta nel corso degli anni cimeli iconici come l'abito bianco plissettato che si alzava al soffio dell'aria proveniente da una grata della metropolitana: indossato da Marilyn Monroe in "Quando la moglie è in vacanza", passò di mano per 4,6 milioni di dollari. Altri pezzi unici come la tunica di Charlton Heston in "Ben Hur", la chitarra suonata da Julie Andrews in "Tutti Assieme Appassionatamente" e ogni cappello indossato da Vivien Leigh in "Via col Vento" erano stati venduti nel corso degli anni a collezionisti anonimi.
La Reynolds è morta quattro anni fa il giorno dopo della figlia Carrie Fisher, l'amata Principessa Leila di "Guerre Stellari". Con un nuovo museo da 482 milioni di dollari che dovrebbe aprire a fine aprile, l'Academy è finalmente venuta a Canossa. "Ci sono ancora pezzi straordinari", ha detto al Times il direttore del museo Bill Kramer dopo aver avvicinato Fisher con l'idea di di dedicare alla memoria della madre lo studio di restauro del museo. Da cosa nasce cosa: Todd si è detto aperto a prestare al museo pezzi della collezione.
Fondata nel 1927, l'Academy ha cominciato a collezionare film e cimeli di film nel 1929, ma i costumi sono stati sempre sottorappresentati, anche perché l'arte dei costumisti solo decenni più tardi è stata riconosciuta come meritevole di distinzioni a parte. Adesso che dopo anni di ritardi il museo disegnato da Renzo Piano sembra in dirittura d'arrivo le cose sono cambiate. Abiti di scena importanti sono entrati di recente nelle collezioni tra cui l'abito da sera di Marlene Dietrich in "Venere Bionda" e il golf e pantaloni di Gene Kelly in "Un Americano a Parigi", mentre due anni fa Leonardo DiCaprio, Steven Spielberg e l'ex capo della Warner Terry Semel hanno unito le forze per comprare una delle quattro paia sopravvissute delle scarpette rosse della Garland dal "Mago di Oz". Un altro paio, di proprietà della Reynolds, fu battuto all'asta nel 2011 per mezzo milione di dollari assieme ad altri capi della collezione dell'attrice. (ANSA).

  • di Alessandra Baldini
  • NEW YORK
  • 18 novembre 2020
  • 20:57

Condividi la notizia

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie