/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

The Cal fa 50, gli scatti di Prince Gyasi per il calendario Pirelli

The Cal fa 50, gli scatti di Prince Gyasi per il calendario Pirelli

Giovane ghanese, un'arte ipercolorata e sinestetica

MILANO, 07 luglio 2023, 20:28

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Sarà Prince Gyasi, visual artist ghanese famoso per le sue immagini ipercolorate, l'autore del Calendario Pirelli del 2024, nella 50esima edizione. Il ventottenne di Accra ha iniziato a scattare all'età di 16 anni con uno smartphone, è salito rapidamente alla ribalta mondiale con un'arte dai colori audaci e dai netti contrasti. Le immagini raccontano storie che catturano l'atmosfera e la vivacità della sua comunità e della sua generazione cercando al contempo di mettere in discussione le narrazioni tradizionali sull'Africa, l'elitismo nell'arte e gli ideali occidentali di bellezza. La sua estetica è audace, invita gli spettatori ad addentrarsi in un mondo sinestetico, dove "assaporare" una forma o "sentire" un colore; predilige i luoghi della città natale realizzando molte delle sue serie fotografiche nei quartieri più popolari della capitale ghanese, nei suoi scatti celebra l'infanzia, la paternità, la maternità e spesso si concentra sull'istruzione, o sulla sua mancanza, sottolineandone il ruolo vitale che può svolgere nell'aiutare i meno privilegiati a sfuggire alla povertà.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza