Moda

Il guardaroba da copiare di Nicole Kidman. La serie The Undoing è trend fashion

Velluti, cappotti lunghi a vestaglia, mix di anelli

The Undoing - foto Hbo © Ansa
  • di Alessandra Magliaro
  • 16 gennaio 2021
  • 19:39

Serie tv ad alto tasso moda: quasi un trend se si mette in fila qualche titolo recente, a cominciare da Bridgerton in onda su Netflix, per finire con The Undoing - Le verità non dette, la serie Hbo ora anche in italia su Sky Atlantic, che vede come protagonisti Nicole Kidman e Hugh Grant alle prese con oscuri drammi e segreti familiari che distruggeranno quelle che sembravano essere vite perfette. Il successo di queste serie, oltre a cast, trama, meccanismi perfetti di super firme della narrazione tv (nel primo c'è santa Shonda Rhimes, l'autrice di successi come Grey's Anatomy e Scandal, nel secondo David E. Kelley - già dietro al successo di Ally McBeal e Big Little Lies, che gli è valso un Emmy Award) c'è anche un'attrazione fashion, una calamita per lo spettatore al punto da influenzarne le scelte di moda.
Il modo di vestire dei personaggi ispira il pubblico e lo porta a voler ricreare lo stesso look andando alla ricerca dei marchi e dei prodotti indossati all’interno della serie. In questo caso specifico Nicole Kidman interpreta una psicologa appartenente all’alta società newyorkese, una che attraversa il Central Park ogni mattina per andare dal suo condominio al suo studio (il Dakota building, dove abitava John Lennon) ed il suo stile rispecchia a pieno il gusto radical chic che ci aspettiamo di vedere da questo personaggio non senza mistero: capelli ricci e voluminosi (non li portava così da anni), anelli d’oro giallo in diverse forme e dimensioni dal gusto un po’ etnico o meglio layerling per usare un termine più tecnico, cappotti lunghi - si segnala a questo proposito la misura extra lunga dei cappotti, molto anni '90, tutti fluidi sul corpo e con allacciatura rigorosamente a vestagliavelluto  in abbondanza, fantasie damascate, maglie in cachemire, guanti e sciarpe e le scelte dei colori sono autunnali, fredde.
Uno dei motori di ricerca sulla moda, Stylight ha rilevato un aumento dei clic del 60% per i cappotti in velluto simili a quelli indossati dall’attrice 24 ore in seguito alla messa in onda della serie (è già un successo in America e in Gran Bretagna) e l’italiano marchio di moda Etro che spesso propone capi affini allo stile di Nicole Kidman nella serie ha visto un aumento d’interesse da parte degli utenti del 18%.
Poichè tutto è possibile c'è pure l'immancabile sito americano specializzato nell' e-shopping delle serie tv: il cappottone verde di Nicole, finta pelliccia rasa o di astrakan ma in realtà velluto pesante, attualmente in saldo si compra con 160 dollari. Si chiama NYC e questo è il link fashion https://www.nycjackets.com/product-category/tv-series/the-undoing-outfits/ con tanto di immagini di scena da ingrandire.
La costumista della serie è Signe Sejilund,  danese come la regista Suzanne Bier con cui collabora da sempre e ha studiato i colori nel mix cromatico dell'attrice e nell'evoluzione della storia (no spoiler, tranquilli): il verde sui capelli rossi, il rame della mantella metallica di ispirazione giapponese indossata sull'abito da sera Givency nell'asta di raccolta fondi dell'esclusiva scuola del figlio, osando persino il bordeaux con di fatto un monocolore dalla testa ai piedi. Molto più classicamente chic, con toni neutri, sono i capispalla dell'amica di Grace Fraser ossia Sylvia, la avvocatessa interpretata da Lily Rabe, abiti costosi ma piuttosto discreti, firmati da designer come Max Mara, perchè l'immagine perfetta dell'Upper East Side è lei piuttosto che la fascinosa Kidman. Il guardaroba di Kidman “E' molto up - ha detto la stilista Sejilund - ma indossa una camicia di seta con un fiocco sopra una gonna di pelle a matita. C'è sempre contrasto. Non riesci a capirla. Di una designer danese anche gli anelli che indossa nella serie: Rebecca Elbek.

  • di Alessandra Magliaro
  • 16 gennaio 2021
  • 19:39

Condividi la notizia

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie