Moda

La Dea Roma di Biagiotti sfila in Campidoglio

Collezione libera, illuminante e durevole

 © ANSA
  • di Patrizia Vacalebri
  • ROMA
  • 14 settembre 2020
  • 20:37

La Dea Roma di Laura Biagiotti sfila al tramonto, in piazza del Campidoglio, nella capitale, simboleggiando la rinascita di una città, Roma, e di un paese, l'Italia, che faticosamente cercano di risollevarsi dopo il disastro economico e sociale causato dalla pandemia. La interpreta Anna Cleveland, modella figlia d'arte, sua madre è la celebre Pat Cleveland, che ha incantato con le sue movenze teatrali il pubblico delle passerelle internazionali per molti decenni. La top model chiuderà la sfilata che si svolge tutta sulle note delle musiche di Ennio Morricone (i figli seduti in platea), indossando un abito da sposa che riporta sulla seta l'immagine della piazza del Campidoglio disegnata da Michelangelo.

A seguire, una performance danzante dell'etoile Eleonora Abbagnato e del suo corpo di ballo del Teatro dell'Opera di Roma. Conduce la serata Caterina Balivo. E dopo l'introduzione alla sfilata della nuova collezione Laura Biagiotti in piazza del Campidoglio, nella conferenza stampa nell'aula Giulio Cesare di Palazzo Senatorio, la sindaca Virginia Raggi, vestita in tailleur blu e camicia bianca, indica un "gesto molto simbolico per ritrovare una nuova normalità nella ripartenza": l'annuncio, fatto assieme all'altro sponsor, la banca Intesa Sanpaolo (presente il responsabile direzione interregionale Pierluigi Monceri), del nuovo "atto di mecenatismo" della griffe Laura Biagiotti, il restauro della Fontana della Dea Roma in piazza del Campidoglio. "Ringrazio la maison per i suoi gesti concreti (verso Roma ndr)- precisa Raggi - per essere intervenuta in passato nel restauro della Cordonata e dei Dioscuri".

La sindaca ricorda quindi "gli interventi di Biagiotti su piazza Farnese e quello ancora in corso sulla Basilica di Santa Maria degli Angeli. Ringrazio Lavinia per questo nuovo gesto di mecenatismo e credo che sarà di buon auspicio per tutti noi". Raggi annuncia quindi la partenza dei lavori di restauro della Fontana della Dea Roma. Il complesso cinquecentesco che raffigura la dea affiancata dai fiumi Nilo e Tevere che Michelangelo collocò ai piedi della nuova scala di Palazzo Senatorio solo successivamente venne trasformato in fontana. L'ultimo intervento di restauro sulla fontana è avvenuto 25 anni fa. "E' stato molto duro per tutti - spiega Lavinia Biagiotti Cigna - ricominciare da un foglio bianco tutte le mattine, come diceva mia madre. Oltre a mancarmi lei, voi tutti che mi avete vista crescere, mi è mancato venire qui a controllare che si stesse facendo tutto bene. Ho pensato che bisognasse ripartire da Roma, da qui. Penso che non ci fosse posto più giusto per ricominciare". "Ho scelto modelle romane, maestranze locali perché era giusto così. A Roma c'è l'alta moda - aggiunge - ci sono gli eventi speciali. Poi la moda solidale è anche una questione di produzione a chilometro zero, per salvaguardare questo nostro made in Italy, che è l'enzima del nostro paese. Vorrei creare valore qui, creando bellezza".

La collezione. "Tre termini per definirla - spiega Lavinia - libera, illuminante e durevole. Collezione libera perché mia madre ha inventato l'abito Bambola, che io continuo a proporre, per una linea femminile più confortevole, scivolata, con la mia aggiunta di tante tasche, anche nascoste negli abiti da sera, per mettervi i piccoli segreti di noi donne. Illuminante perché il colore dominante è sempre il bianco Biagiotti, con la novità dei ricami di cristalli issati in rete per un effetto trompe l'oeil. Durevole perché gli abiti Biagiotti li butti in lavatrice, come mi ha detto una signora mentre facevo le prove sulla piazza, e sono sempre uguali, durano una vita".

  • di Patrizia Vacalebri
  • ROMA
  • 14 settembre 2020
  • 20:37

Condividi la notizia

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie