Moda

Moda uomo, l'outdoor ha il cuore green

A Pitti Uomo, stile e ricerca di equilibrio tra eleganza e natura

 © ANSA

- Non solo outdoor e know-how tecnico, ma anche un nuovo equilibrio tra uomo e natura.
La passione per gli spazi aperti e gli sport legati all'ambiente incontra il design e la ricerca stilistica da I go out, nuovo progetto di Pitti che interpreta l'outdoor, a cui partecipano diverse aziende con il cuore green.
Ma capofila del concetto che lega il mondo dello sport all'ambiente e alla ricerca è Sease, marchio di Franco e Giacomo Loro Piana lanciato nel 2017, che attinge dal mondo della vela e delle regate per dar vita a collezioni dove le performance sposano l'eleganza urbana. "I nostri sono capi versatili - spiega il direttore del brand Lorenzo Sorbi - che partono dalla ricerca sui tessuti. Protagonista dei capospalla, giubbotti e giacconi tecnici ma eleganti anche in un contesto urbano, anche se ispirati ai professionisti delle regate, è il 'solaro', un tessuto ricavato da tre fili di lana di diverse cromie che prendono assieme un tipico color fango. E' stato inventato dalla armate inglesi ma è un tessuto che si è visto tante volte nelle foto anche addosso a Gianni Agnelli. Noi abbiamo abbinato al solaro una membrana che lo rende antitraspirante, idrorepellente e resistente al vento. In altri capi utilizziamo anche un nylon ricavato dai semi di ricino, quindi un tessuto sostenibile, concetto sempre presente nel marchio Sease".
I go out a Fortezza da Basso presenta una serie di collezioni realizzate da aziende provenienti da tutto il mondo, in una proposta trasversale tra abbigliamento, accessori e oggetti per la vita all'aperto. Capi innovativi che uniscono stile e performance, funzionalità e filosofia eco-friendly. Il set-design curato da Andrea Caputo Studio. Ad accogliere i visitatori all'ingresso di I go out c'è Reda che presenta Active una nuova membrana biodegradabile fatta con i polimeri. "Una rivoluzione per la sostenibilità dell'ambiente - spiega Ercole Botto, ad dell'azienda di Biella - soprattutto per chi vuole rispettare l'ambiente con i propri prodotti".
Sbirciando qui e lì ecco 24 Bottles, progetto che combina design e funzione in bottiglie in acciaio inox sostenibile, extra-light colorate e utili per restare idratati portando avanti uno stile di vita più attento all'ambiente. Da Griffin marchio di design britannico, qualità e un outerwear che coniugano fashion e tecnologia, in una proposta pensata per un avventuriero urbano. Inflessioni ed elementi preppy, punk e military incontrano in un mix il casual wear americano nel marchio giapponese Mountain Research. A Pitti debutta Woolrich Outdoor collezione nata dalla partnership tra Goldwin, brand giapponese specializzato in moda outdoor e Woolrich Japan.
Ispirata alla perfezione della natura, la proposta è pensata per le attività all'aria aperta, dal trekking lungo i sentieri, alla pesca nei torrenti più selvaggi, fino alla scalata di pareti rocciose. Qui sono piaciuti molto i pigiami in tessuti tecno antizanzare. Sea come mare, Ease come liberare, liberarsi, Serac affonda le radici nel technical sportswear e nella tradizione outdoor norvegese. Da Sapporo arriva Hokkaido, collezione di capi e accessori per l'outdoor che traggono ispirazione dal Tenkara, tradizionale metodo di pesca praticato in Giappone.
Collezione Lab da Eastpak concede ai suoi designer la massima libertà d'esplorare nuove idee, sperimentare materiali e superare i limiti del design. Il risultato sono proposte che ridefiniscono il concetto di mobilità urbana, come Lifetime Lab, modello che conferisce alle radici militari del brand un tratto futuristico. Seguono zaini, marsupi e mini-borse che permettono di portare con sé tutto ciò che occorre. Si va dal modello classico The One, con il suo successore Buddy, al marsupio Springer, campione di vendite, fino al nuovo oversize Bane.

   

  • dell''inviata Patrizia Vacalebri
  • FIRENZE
  • 14 giugno 2018
  • 20:49

Condividi la notizia

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie