Lusso

Lo champagne del rapper, Lvmh si allea con Jay-Z

Armand de Brignac al 50% con Moet Hennessy

null © Ansa
  • Redazione ANSA
  • NEW YORK
  • 22 febbraio 2021
  • 19:20

Lvmh si allea con Jay-Z per aiutare lo champagne del rapper, Armand de Brignac, a espandersi a livello globale. Jay-Z ha venduto il 50% della società che produce lo champagne a Moet Hennessy, colosso delle bollicine di Lvmh. Moet Hennessy è il "partner naturale" per spingere Armand de Brignac "al livello successivo di gusto e distribuzione", dice il rapper vincitore di 22 Grammy.
Il marchio di champagne del rapper americano ha riscosso un successo mondiale grazie a una forte presenza in Nord America. Nord, Asia ed Europa, con più di 500.000 bottiglie vendute nel 2019. Questo investimento di capitale arriva in un momento in cui il consumo di champagne è calato drasticamente nel 2020 con la fine del turismo e degli hotellerie a causa della crisi sanitaria. 
"Siamo impegnati a un accordo su un piano di parità con Jay-Z e la sua famiglia ", specifica Philippe Schaus, Presidente e CEO di Moët Hennessy." Sono orgoglioso di includere la famiglia Arnault nella nostra avventura ", ha dichiarato Jay -Z . "È un'alleanza strategica che mi è sempre sembrata ovvia", aggiunge, "siamo convinti che la potenza della rete di distribuzione globale di Moët Hennessy, la forza senza pari del suo portafoglio e la sua eccellenza riconosciuta da tempo nello sviluppo di i marchi di lusso daranno ad Armand de Brignac il potere commerciale di cui ha bisogno per crescere ". 
Le vendite globali di champagne sono crollate del 18%, costringendo produttori e commercianti a limitare collettivamente la loro produzione di uva e vino nel 2020 per evitare un crollo dei prezzi legato alla sovrapproduzione. Il gruppo LVMH, proprietario delle case Dom Pérignon, Moët & Chandon, Mercier, Krug, Ruinart e Veuve Clicquot, ha indicato alla fine di gennaio "che dopo un calo significativo dei volumi nel secondo trimestre" 2020, l'attività dello champagne aveva sperimentato "un miglioramento delle tendenze nella seconda metà dell'anno, in particolare negli Stati Uniti". Lo champagne, infatti, è l'unico vino francese a non subire la sovrattassa del 25% imposta dall'amministrazione Trump, che grava sull'industria vinicola francese perché il mercato americano è il suo principale sbocco dell'export.

   

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie