People

Gene Yoon, con Fila lotto contro la contraffazione assumendo i falsari

Ritratto delllo charmain dell'azienda nata in Italia e acquisita da Fila Korea nel 2007

Ritratto Gene Yoon charmain Fila Global  © Ansa
  • Patrizia Vacalebri
  • ROMA
  • 12 febbraio 2021
  • 20:25

    Gene Yoon, charmain di Fila Global che ha acquisito nel 2007 con Fila Korea, non è nato ricco. I suoi genitori erano due contadini. Sua madre morì di tifo "100 giorni dopo avermi dato alla luce" ricorda Yoon. Suo padre la seguì colpito da un cancro quando lui era ancora un adolescente. Avrebbe voluto studiare medicina per trovare le cure per le malattie che avevano ucciso i suoi genitori, ma non era riuscito ad iscriversi a quella facoltà all'Università di Seoul tentando tre volte di seguito di entrare.

  Così,"Nell'autunno del 1973 ero uno studente universitario - racconta all'ANSA - alla disperata ricerca di un lavoro dignitoso. Pochi erano interessati al laureato in scienze politiche di 28 anni, piuttosto vecchio come nuovo candidato, il cui campo di studio non piaceva alla maggior parte dei datori di lavoro coreani. Il mio futuro da orfano, senza soldi ne altro era piuttosto cupo".

   Il riscatto arriva con Fila. La scalata. "Nel nuovo millennio Fila aveva successo in Corea ma era un marchio a malapena conosciuto al di fuori del paese asiatico, spingendo così l'azienda a darmi più ruoli. Nel 2005, insieme ai dipendenti Fila Korea e agli istituti di credito coreani, sono riuscito ad acquistare una quota del 100% nell'entità coreana tramite un management buyout e due anni dopo ho utilizzato lo stesso formato per acquistare il marchio globale Fila con l'aiuto di strumenti finanziari investitori tra cui Mirae Asset Private Equity nel raro caso in cui una filiale offshore ha assunto una sede centrale globale. In effetti, Fila Korea ha proposto il prezzo di offerta più basso rispetto a due rivali con maggiori possibilità, ma il venditore ha detto in seguito di aver optato per Fila Korea poiché credeva nel mio senso degli affari e nella mia esperienza nell'abbigliamento sportivo, nonché nella mia reputazione globale. Fila Korea si è unita a una manciata d'investitori finanziari coreani, tra cui Mirae Asset, per rilevare Acushnet Company, gigante statunitense del golf che ha sotto la sua ala protettrice il produttore di palline Titleist e il calzolaio Footjoy, per 1,23 miliardi di dollari nel 2011, in una competizione con perenne leader del mercato dell'abbigliamento sportivo Nike e Adidas".

   I fallimenti. "Il mio socio in affari negli Stati Uniti mi ha pugnalato alle spalle appropriandosi di mezzo milione di dollari, una cifra piuttosto alta per una start-up. Sopraffatto dalla sensazione di essere colto alla sprovvista, ho pensato di abbandonare le mie imprese imprenditoriali quando due terzi dei miei dipendenti se ne andarono tutti in una volta con un colpo di stato ideato dai miei due luogotenenti più fidati. Ho anche superato due attacchi di cuore". "Le persone hanno due opzioni quando devono affrontare difficoltà atroci e fallimenti devastanti. Uno è alzare le mani e l'altro è prenderle come una lezione per migliorare. Ho sempre cercato di unirmi a quest'ultimo gruppo. Tante esperienze di fallimenti strazianti all'inizio mi hanno insegnato la virtù dell'umiltà, il che spiega perché i miei tre principi manageriali sono l'onestà, la diligenza e la pazienza. Ho anche imparato i valori di essere preparati per non fallire di nuovo e di aver paura dei rischi che si corrono per il fallimento. Ho ottenuto la prontezza ad assumermi rischi per natura e ho acquisito cautela contro il rischio eccessivo attraverso la cultura, una combinazione rara che penso abbia forgiato la mia imprenditorialità unica. Chi ha troppa paura del fallimento non può farcela. Allo stesso tempo, anche coloro che non hanno paura del fallimento non possono avere successo. Guadagnarsi la fiducia nell'umiltà e nella preparazione è il minimo per mantenere l'equilibrio. Il fallimento mi ha insegnato che tali virtù vincono nel lungo periodo anche se potrebbero non sembrare l'opzione migliore a breve termine. Quindi, le persone umili sono quelle da tenere d'occhio. Non puoi comprare il fallimento e l'umiltà con il denaro".

   Il valore di Fila. "La società che aveva conquistato la leadership nell'abbigliamento sportivo negli anni Settanta, mostrava chiari segni di declino alla fine del XX secolo, quando le vendite si erano drasticamente ridotte, rendendola un pesciolino sulla scena internazionale. Nel 2007, quando la proprietà di Fila Global era in palio, la sua attività negli Stati Uniti aveva perso oltre 40 milioni di dollari e le sue entrate annuali erano crollate a meno di un decimo rispetto al decennio precedente. Il problema era che l'azienda era stata sconfitta dal suo precedente successo come produttore premium. Avdistribuito i suoi prodotti attraverso i grandi meva agazzini o in punti vendita esclusivi con cartellini dei prezzi esorbitanti che spaventano la maggior parte degli acquirenti. Alla acquisizione di Fila nel 2007, abbiamo subito scartato la strategia off-beam di FILA e abbiamo effettuato un'importante revisione per razionalizzare l'organizzazione riducendo drasticamente la sua forza lavoro e chiudendo negozi che perdono denaro. Ad esempio, abbiamo dimezzato le buste paga e chiuso quasi tutti i negozi non redditizi negli Usa. Un'altra riforma è arrivata per la gestione dei licenziatari. Sebbene gestiamo noi stessi Fila Korea e Fila Usa, i marchi sono disponibili in oltre 70 altri mercati tramite licenziatari e questo significa che detengono la chiave del successo di Fila nella maggior parte dei paesi. A differenza della convenzione dei contratti a rotazione quinquennale, abbiamo offerto accordi a più lungo termine, che hanno fortemente incoraggiato i licenziatari a migliorare le loro prestazioni senza dover perdere i loro diritti sul marchio in frequenti rinnovi contrattuali. Inoltre, abbiamo eliminato la politica convenzionale "taglia unica" e consentito ai licenziatari di sviluppare i propri prodotti che si adattano allo specifico tessuto culturale dei loro mercati". "Dal punto di vista dei biellesi, non siamo predoni ma salvatori. Come disse una volta un ex presidente di Fila "Fila è nata in Italia ma è sbocciata in Corea" e abbiamo fatto tutto il possibile per rimanere fedeli all'origine del marchio. In riconoscimento di tali sforzi negli ultimi due decenni, ho ricevuto il Cavalierato dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana nel 2008. All'inizio del 2010 sono stato riconosciuto cittadino onorario di Biella".

   Lotta alla contraffazione. "Una soluzione innovativa che il mio team ha escogitato è stata il modo in cui abbiamo affrontato i prodotti contraffatti. Nel 2008, nella città cinese di Jinjiang sono state lanciate le più famose imitazioni di calzature, comprese quelle di Fila, per ridurre i profitti dell'azienda e danneggiare la sua immagine. Solo il nome della città ha fatto venire la nausea ai produttori di autentiche scarpe di marca, con la sola eccezione di Fila, che ha optato per trasformare il focolaio di violazione del marchio come base di produzione a basso costo in Cina. Grazie alla decisione i produttori di prodotti Fila contraffatti sono stati immediatamente battuti poiché le fabbriche Fila autentiche hanno sfornato prodotti autentici nelle vicinanze. Seguiti 24 ore su 24 dai dipendenti Fila, i trasgressori del marchio sono scomparsi per timore di dover affrontare azioni legali o repressioni. L'altro vantaggio inaspettato è stato che i datori di lavoro esclusi dai produttori di false calzature Fila sono stati assunti da Fila. Si sono rivelati preziosi, comunque sono stati quelli che sono riusciti a sfornare prodotti Fila senza alcun supporto tecnologico ufficiale".

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie