'Aggredita da un calciatore,operata alla mandibola'

Ventenne su Fb, 'colpita con un cazzotto a Firenze da Diakhate'

Redazione ANSA FIRENZE

(ANSA) - FIRENZE, 30 LUG - Ha postato su Fb un video in cui racconta di essere stata aggredita, in un locale di Firenze, "da un ex giocatore della Fiorentina, attuale giocatore del Parma, Abdou Diakhatè": il calciatore, 21 anni, che la squadra emiliana ha poi dato in prestito a una squadra estera, l'avrebbe colpita con un cazzotto procurandole la frattura della mandibola.
    A parlare - mostrandosi, oltre che rendendo pubblico il suo nome - una ventenne di Firenze che ha deciso di rendere pubblica la sua storia perchè "voglio giustizia". Su quanto accaduto è stata presentata anche una formale denuncia alla magistratura, spiega il legale della giovane, l'avvocato Francesco Di Luciano.
    E la polizia sta indagando: la squadra mobile del capoluogo toscano ha avviato accertamenti per ricostruire quanto accaduto nella notte tra il il 23 e il 24 luglio scorsi in un locale alle Cascine di Firenze. Intanto per la frattura, scomposta, della mandibola la ventenne è stata operata e, spiega sempre il suo avvocato, dovrà sottoporsi a un secondo intervento: la prognosi è di 30 giorni.
    Nel video la giovane spiega che il calciatore - con cui si conosce da anni, come riferisce l'avvocato - l'ha "chiamata per parlare, sono andata lì per parlare e lui mi ha tirato un cazzotto". Cosa potrebbe avere scatenato l'aggressione non è chiaro: stando al racconto fatto dalla ragazza al suo legale, tutto è stato velocissimo, una delle ipotesi è che forse possa entraci un diverbio avuto tempo fa con la fidanzata del giocatore. Fatto è che la ragazza spiega di essersi ritrovata in una pozza di sangue e senza che nessuno l'aiutasse. Nel video la ventenne accusa i buttafuori di essersi preoccupati del calciatore, non di lei: gli addetti alla vigilanza avrebbero "scortato" il calciatore alla macchina mentre "nessuno mi ha aiutato"; chi lavora nel locale "ha fatto finta di niente". Le ha "prestato soccorso" solo la sua amica: "Non esiste - spiega in lacrime la giovane nel video - che un uomo possa rompere le ossa a una donna e invece che essere soccorsa lei viene scortato lui alla macchina perchè è un famoso calciatore".
    Su quanto accaduto, dal locale si afferma che nessun addetto alla vigilanza ha scortato fuori il calciatore: il personale lo avrebbe accompagnato fuori proprio perchè c'erano stati problemi. Nessuno si era reso conto inizialmente della gravità della ferita subita dalla giovane, che una volta fuori dal locale è stata soccorsa da un'ambulanza. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA