/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Bimbo allontanato dall'asilo, altre due segnalazioni

Bimbo allontanato dall'asilo, altre due segnalazioni

I casi a Olbia, per i genitori è una palese discriminazione

OLBIA, 06 giugno 2024, 12:54

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Cresce il numero dei bambini allontanati da un asilo paritario per l'infanzia di Olbia. Dopo il caso del bimbo di quattro anni ritenuto "troppo vivace" dalle educatrici della struttura privata ed allontanato nel mese di maggio, altre due coppie di genitori hanno trovato il coraggio di denunciare quanto subito decidendo di rivolgersi all'avvocata Oriana Erittu, che si sta occupando del primo caso e che ha confermato all'ANSA quanto pubblicato oggi sul quotidiano L'Unione Sarda.
    La legale ha fatto una prima segnalazione finita al centro di un'indagine amministrativa avviata dall'Ufficio scolastico regionale. A questa adesso se ne aggiungono altre due. Un episodio di presunta discriminazione risale al novembre del 2021, quando dopo soli tre giorni di inserimento nell'asilo, e dopo il pagamento della retta da parte dei genitori, il bambino è stato espulso "perché ritenuto autistico". Al centro del secondo caso vi è invece una bambina iscritta all'anno scolastico 2023, per la quale era stato imposto ai genitori il pagamento di un educatore aggiuntivo privato. Anche in questo caso la minore era stata considerata troppo vivace ed ingestibile, e per questo allontanata.
    "Queste tre segnalazioni sono solo le prime alle quali ho fatto firmare l'auto dichiarazione, ma ce ne sono altre", spiega all'ANSA l'avvocata Erittu che ha chiesto formalmente all'Ufficio scolastico regionale "di prendere atto di quanto segnalato e apportare le dovute verifiche nell'istituto scolastico". La scuola partitaria riconosciuta riceve infatti finanziamenti regionali ed è equiparata ad un istituto pubblico.
    "Ma ancora oggi - denuncia la legale - continua nel suo atteggiamento discriminatorio e selettivo dei minori, in totale dispregio della legge 62/2000".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza