L'ambiente è 'rosa', 'Nobel' dell'ecologia a 6 donne

Premio alle attiviste impegnate per Amazzonia e contro nucleare

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Le donne la fanno da padrone quest'anno al Goldman Prize, il "Nobel" dell'ecologia, istituito nell'89 dai filantropi californiani Richard e Rhoda Goldman. Su 7 vincitori, 6 sono donne. Le attiviste sudafricane Makoma Lekalakala e Liz McDaid sono riuscite a far saltare un accordo fra il governo di Pretoria e quello russo per la costruzione di una centrale nucleare. La colombiana Francia Marquez ha guidato una marcia di 80 donne per 350 km fino alla capitale Bogotà, per chiedere la chiusura delle miniere d'oro illegali nella sua regione, convincendo alla fine il governo. Khanh Nguy Thi, scienziata vietnamita, ha avuto un ruolo determinante nello spingere il suo governo a ridurre la dipendenza dal carbone e incrementare le rinnovabili. Il filippino Manny Calonzo ha guidato la campagna che ha portato al bando nel paese delle vernici al piombo. LeeAnn Walters, statunitense, ha portato alla luce l'inquinamento dell'acqua potabile nella cittadina di Flint, nel Michigan. La francese Claire Nouvian ha guidato con successo la campagna contro la pesca con le reti a strascico di profondità.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie