Rifiuti: Valle d'Aosta punta a riduzione, recupero e riciclo

Approvato nuovo Piano di gestione per quinquennio 2022-2026

Redazione ANSA AOSTA
(ANSA) - AOSTA, 27 APR - Con 18 voti a favore e 16 astensioni il Consiglio regionale della Valle d'Aosta ha approvato il Piano regionale di gestione dei rifiuti 2022-2026, risultato del 'coordinamento' tra il disegno di legge della Giunta regionale e la proposta di legge del gruppo Progetto Civico Progressista in materia di gestione dei rifiuti speciali. Ad illustrare il provvedimento sono stati Albert Chatrian (Av-VdaUnie), presidente della terza Commissione "Assetto del territorio", e Chiara Minelli (Pcp).

"Gli obiettivi - ha detto Chatrian - sono conformi a quelli stabiliti dal pacchetto europeo di misure sull'economia circolare, che supera il concetto di differenziazione del rifiuto e spinge sulle politiche di riduzione della produzione dei rifiuti e del miglioramento della capacità di recupero: si sposta quindi l'attenzione sul riutilizzare, rinnovare e riciclare i materiali esistenti. Quello che normalmente si considerava come rifiuto può essere trasformato in una risorsa e i rifiuti residui possono così diventare prossimi allo zero".

Nell'ambito della gestione dei rifiuti urbani l'obiettivo è raggiungere, entro il 2026, un tasso netto di riciclo per i rifiuti urbani del 65% e un tasso di raccolta differenziata almeno pari all'80%. Inoltre si punta a ridurre l'attuale tendenza di aumento della produzione pro-capite dei rifiuti e il conferimento in discarica, al fine di raggiungere l'obiettivo del 10% di rifiuti conferiti in discarica al 2035. A tal proposito sono previste l'estensione della raccolta 'porta a porta' e l'attivazione della tariffazione puntuale.

Sotto il profilo impiantistico, il Piano vuole integrare l'attuale sistema per chiudere all'interno della regione il ciclo di recupero dell'umido, del verde e dei fanghi di depurazione, trasformandoli in prodotti quali compost di qualità da riutilizzare nel settore agricolo e nei recuperi ambientali.

"Fatta salva la previsione di una riorganizzazione delle discariche comunali di rifiuti inerti - ha detto Chatrian - non è prevista la realizzazione di nuove discariche. Inoltre i quantitativi di rifiuti speciali prodotti in Valle d'Aosta sono così modesti da non giustificare, per la maggior parte delle tipologie prodotte, la realizzazione di un'impiantistica dedicata". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA