Plastic Tax: Costa, norma Ue così non ci va bene, trattiamo

Siamo leader filiera bioplastiche, chiediamo di non ammazzarla

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 14 SET - La Plastic Tax europea "va armonizzata con la tassazione italiana": per questo "siamo in prima linea" e "stiamo negoziando con l'Unione Europea, proprio per evitare di ritrovarci in ginocchio rispetto ad altri Paesi, e stiamo dicendo che così a noi non ci sta per niente bene.

L'Italia in Europa non e' un Paese qualsiasi, pesiamo molto nelle votazioni".

Lo ha detto il ministro dell'Ambiente Sergio Costa in merito alla Plastic Tax europea (800 euro a tonnellata sui rifiuti plastici da imballaggio, approvata dal Consiglio europeo lo scorso 21 luglio e in vigore a partire dal prossimo gennaio), intervenendo su Radio 24 nella trasmissione "24 Mattino".

"Stiamo negoziando con l'Unione Europea - ribadisce il ministro - per dire non 'ci ammazzate la filiera delle bioplastiche' sulla quale siamo leader: bioplastiche che poi possono andare nel compostaggio e attivare l'economia circolare.

E non e' una difesa quasi ideologica di una linea italiana, ma e' un'occasione a livello europeo e anche oltre".

Poi, ha concluso Costa, "stiamo provando il credito di imposta per le aziende che diminuiscono gli imballaggi: io ti favorisco e riconosco un quid, un qualcosa economicamente anche significativo, nel momento in cui mi diminuisci l'imballaggio.

La norma già l'abbiamo fatta, e il decreto attuativo finalmente e' all'ultimo miglio". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie