Legambiente, ancora 2,4 mln tonnellate di macerie post-terremoto

"Nelle quattro regioni, necessario accorciare i tempi"

Redazione ANSA ROMA

ROMA - A un anno dal sisma che il 24 agosto ha colpito Marche, Lazio, Umbria e Abruzzo e a nove mesi dalle scosse devastanti di fine ottobre è stato rimosso solo l'8,57% delle macerie cioè circa 227.500 tonnellate dei 2.657.000 stimati dalle quattro Regioni. Lo rende noto Legambiente spiegando che in totale "rimangono da rimuovere oltre 2.400.000 tonnellate derivanti per la stragrande maggioranza dalle attività di demolizione parziale e totale dei fabbricati che permetteranno di ridimensionare le zone rosse".

Secondo Legambiente, che a primavera scorsa insieme a Fillea Cgil ha avviato un Osservatorio nazionale per una ricostruzione di qualità, "è urgente cambiare passo: velocizzare le procedure di recupero delle macerie e individuare altre zone dove poter trattare gli inerti riutilizzabili per la ricostruzione".

L'associazione ambientalista aggiunge che "sono macerie derivanti da edifici pubblici e da edifici privati pericolanti, la cui rimozione è propedeutica all'avvio della ricostruzione materiale e della rinascita delle comunità colpite. Aspettano di esserne liberati oltre 60 Comuni, con le loro numerose frazioni.

Ma a fronte di questi numeri persino la scadenza prevista al 31 dicembre 2018 difficilmente potrà essere rispettata".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA