Direttiva del Mite per la tutela degli insetti impollinatori

Nel documento anche il monitoraggio dell'habitat dei coralli

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 06 APR - Migliorare la tutela degli insetti impollinatori (dai quali dipende oltre il 70% della produzione agricola per la nostra alimentazione) e il monitoraggio dell'habitat dei coralli. Questi gli obiettivi della Direttiva 2021 per la conservazione della biodiversità, inviata del Ministero della Transizione ecologica agli enti parco nazionali e alle aree marine protette.

Dopo l'istituzione delle cosiddette "aree protette", avvenuta con legge nel 1991, periodicamente il ministro dell'Ambiente (ora della Transizione ecologica) emana direttive di "indirizzo delle attività dirette alla conservazione della biodiversità".

La Direttiva Biodiversità 2021 si focalizza sulle azioni dirette ad affrontare il declino degli insetti impollinatori. Si tratta di un problema globale, che ha colpito molti paesi dell'Unione Europea e anche l'Italia.

Gli Enti Parco nazionali, si legge nel documento, dovranno "assicurare la prosecuzione e il consolidamento delle azioni sugli impollinatori". Centrale è l'attività di monitoraggio, che risulta essenziale per studiare il fenomeno del declino di questi insetti, comprenderne le cause e pianificare azioni di contrasto efficaci. Tale attività dovrà essere aggiornata alla luce dello schema di monitoraggio europeo, pubblicato lo scorso ottobre.

La Direttiva Biodiversità 2021 prevede, infine, azioni di monitoraggio dell'habitat coralligeno che dovranno essere svolte dalle Aree marine protette. Queste dovranno, inoltre, "stimare il disvalore generato dall'impatto delle attività di pesca" su tale habitat e proseguire le attività di raccolta dati già avviate con le direttive precedenti. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie