India: allarme ecologisti per piano sviluppo isole Andamane

Città tax-free, resort, centri salute nelle riserve dei tribali

Redazione ANSA NEW DELHI
(ANSA) - NEW DELHI, 01 FEB - Un visionario progetto per la realizzazione di mega insediamenti turistici e di una città costiera nell'isola Little Andaman dell'arcipelago delle Andamane suscita allarme tra gli ecologisti.

Il quotidiano The Hindu riferisce di un documento elaborato da NITI Aayog, il think-thank del governo centrale, che prevede di urbanizzare almeno il 32% delle aree dell'isola sinora tutelate come foresta e come riserve per gli abitanti tribali.

Il progetto ipotizza lo sviluppo di tre aree, con la costruzione di una città che, dotata di un aeroporto internazionale, dovrebbe richiamare imprese finanziarie e della salute, di un distretto del cinema e del turismo, e di una zona naturalistica sulla costa occidentale, con resort ecologici, campi da golf, e strutture alberghiere dedicate al wellness.

Secondo il documento, non ancora reso pubblico, la città potrebbe diventare una zona free-trade, come Singapore e Hong Kong.

In un documento che risale allo scorso settembre, la Divisione Forestale dell'isola ha avanzato serie obiezioni al progetto citando forte allarme per la fragilità del sistema ecologico, i diritti delle popolazioni indigene e il forte rischio di terremoti e tsunami nell'area. Secondo The Hindu nei prossimi giorni è previsto un incontro per cancellare lo status che protegge la riserva della popolazione tribale degli Onge.

(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie