Edilizia: Legambiente, in 16 anni abbattuto solo 32,9% abusi

Male il Sud, Puglia in coda. Appello a governo e parlamento

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 23 GIU - In Italia dal 2004 al 2020 é stato abbattuto solo il 32,9% degli immobili colpiti da ordinanza di demolizione con il Sud Italia, in cui il fenomeno è più grave e diffuso, dove le ruspe sono rimaste quasi ferme e il Nord dove invece hanno lavorato con maggior lena. Lo afferma Legambiente nella seconda edizione del dossier "Abbatti l'Abuso" sulle mancate demolizioni edilizie nei comuni italiani - sulla base delle risposte complete date da 1.819 comuni su 7.909 ad un questionario sottoposto dalla ong - precisando che la Puglia è fanalino di coda e insieme con Campania, Sicilia e Calabria su 14.485 ordinanze di demolizione ne sono state eseguite appena 2.517, pari al 17,4%.

Bene Veneto e Friuli Venezia Giulia che, nella classifica per numero di ordinanze di demolizioni eseguite, superano entrambe il 60%, seguite da Valle d'Aosta (56,3%), Provincia autonoma di Bolzano (47%), Lombardia (44,2%). Sono numeri "nel complesso preoccupanti" che per Legambiente "dimostrano come in Italia l'abusivismo e il cemento illegale siano ancora una piaga da sanare". "Procedere con gli abbattimenti - spiega Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente - è il migliore deterrente perché si scongiuri il sorgere di nuovi abusi". L'associazione ambientalista rivolge un appello al ministro dell'Interno Luciana Lamorgese e al Parlamento "per risolvere il pasticcio generato con l'ultima circolare inviata dal Mint alle Prefetture che azzera l'efficacia delle nuove norme sulle demolizioni non eseguite dai Comuni". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie