Ambiente: al via formazione a distanza funzionari Pa

Costa, aiutiamo costruzione economia circolare e più eco

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 17 MAR - Con un investimento di circa 140mila euro, all'interno del più ampio progetto CReIAMO PA, il ministero dell'Ambiente ha varato il corso di formazione specialistica a distanza (FAD) sugli acquisti verdi per la pubblica amministrazione. È il 'Green Public Procurement: strumenti e metodi per l'applicazione dei CAM negli appalti della PA'. "Si tratta - spiega il ministro dell'Ambiente, Sergio Costa - di un'opportunità di grande importanza per il futuro del nostro Paese, soprattutto per quando usciremo da questa emergenza sanitaria. Attraverso la formazione a distanza, che chiunque già oggi anche in smart working da casa può attivare, forniamo ai funzionari pubblici gli strumenti per applicare i cosiddetti CAM, i criteri ambientali minimi, per gli acquisti verdi delle PA. Un comparto che solo per quanto riguarda gli appalti verdi quota, secondo l'Osservatorio Appalti verdi, circa 30 miliardi e che grazie ai principi dell'economia circolare ed ecosostenibile applicati nei settori pubblici può avere la forza di orientare il resto della produzione e dei consumi".

I corsi sono organizzati in 15 moduli formativi erogati in modalità e-learning e suddivisi in 34 singole unità didattiche che sono già disponibili sul sito del ministero. Ogni unità didattica prevede una completa interazione con altri strumenti che garantiscono i necessari approfondimenti, come testi, slide, norme, schede sintetiche, glossario etc. necessari per la piena comprensione dei contenuti formativi per il loro concreto utilizzo e per facilitare l'adozione dei Criteri Ambientali Minimi nei capitolati di gara.

I due obiettivi principali sono: rafforzare le competenze del personale che svolge funzioni strategiche in materia di appalti pubblici e concessioni all'interno di stazioni appaltanti di rilievo, tra le quali i soggetti aggregatori, in modo tale da diffondere la capacità di gestire appropriatamente l'obbligo di integrazione dei criteri ambientali nelle procedure di appalto pubbliche; contribuire ad assicurare un'efficace ed uniforme adozione della politica del GPP sull'intero territorio nazionale. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie