Utilitalia, semplificazione e sostegno a energie rinnovabili

Incentivi a fotovoltaico aree degradate, proroga aiuti biometano

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 19 MAG - Semplificazione e sostegno alle fonti rinnovabili, agli impianti di storage (accumulo) e al teleriscaldamento, ma anche incentivi al fotovoltaico sulle aree degradate, e la proroga di 24 mesi per gli aiuti agli impianti a biometano: così Utilitalia (la Federazione delle imprese di acqua ambiente e energia) oggi in audizione in Commissione per le Politiche Ue al Senato, ha offerto un quadro della iniziative che, a suo avviso, andrebbero considerati nel disegno di legge di delegazione Europea per il recepimento delle direttive europee, e soprattutto per consentire all'Italia di mantenere gli impegni di riduzione delle emissioni assunti a livello internazionale.

Nello specifico - spiega Utilitalia - è necessario superare il divieto e consentire l'accesso agli incentivi per gli impianti fotovoltaici realizzati sulle aree dismesse e degradate sebbene classificate come agricole, naturalmente in caso di ripristino e di recupero ambientale nonché di bonifica. Poi - avverte la Federazione - bisogna agevolare il massimo utilizzo dell'energia da fonti rinnovabili, anche favorendo la diffusione e l'uso di sistemi di accumulo dell'energia su cui manca un chiaro quadro di regolazione per l'iter autorizzativo sugli impianti di storage. Un'agevolazione per gli impianti rinnovabili che passa anche attraverso una semplificazione degli iter autorizzativi per gli interventi di revamping e repowering sugli impianti esistenti, tipo il fotovoltaico, l'eolico e l'idroelettrico.

Secondo Utilitalia, è anche urgente il riordino della normativa sull'autoconsumo, e la definizione di un sistema di supporto per i sistemi di teleriscaldamento e teleraffrescamento. Infine, conclude la Federazione, è necessaria una proroga di 24 mesi per gli incentivi per il biometano. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie