Earth hour, un'ora al buio per emergenza clima e natura

Evento annuale del Wwf, maratona di artisti

Redazione ANSA ROMA

Nella ricorrenza dell'Earth Hour - l'Ora della Terra, l'evento globale del Wwf che si tiene il 27 marzo e che culmina con con un'ora di buio per sensibilizzare l'opinione pubblica e i governi sull'emergenza climatica e sulla necessità di tutelare la natura. "Speak Up For Nature" (Parla per la Natura) è il claim scelto per l'edizione 2021 di questo evento nato nel 2007, quando fu coinvolta la sola città di Sydney, per diventare negli anni successivi "la grande ola di buio che si è rapidamente propagata in ogni angolo del Pianeta, lasciando al buio piazze, strade e monumenti simbolo".
    Nel ricordarlo, il Wwf spiega che durante la giornata si alterneranno contributi musicali di artisti, gruppi e musicisti italiani (pagina degli eventi), e alle 20.30 si spegneranno i principali monumenti di tutto il mondo, mentre i cittadini potranno spegnere le luci delle loro case e fare sentire la loro voce per la natura attraverso i loro canali social e web.
    "Anche quest'anno torna Earth Hour che coinvolgerà decine di milioni di persone in tutto il mondo. Queste persone attraverso un gesto simbolico, quello di spegnere le luci per un'ora, chiederanno ai governi, alle aziende e ai cittadini di fare presto, di far diventare realtà quella rivoluzione verde che fino ad oggi è stata solo nelle parole e negli annunci" dichiara la presidente del Wwf Italia Donatella Bianchi che aggiunge: "In questa edizione il Wwf chiede a tutti di 'dar voce alla natura', di pretendere che si dia il giusto valore al nostro capitale naturale che alla base della nostra salute, del nostro benessere, del nostro cibo, della nostra acqua, della nostra aria: in una parola della nostra vita. Difendere la biodiversità significa difendere il futuro dell'umanità e la qualità della nostra esistenza sul Pianeta. Allora tutti insieme 'Speak up for nature' con la consueta ora di buio che rappresenta la richiesta, forte, decisa ed inequivocabile di un futuro diverso. Per tutti noi e per chi verrà dopo di noi".



Dalle 20,30 alle 21,30 si spegneranno le luci dei principali luoghi simbolo delle città italiane, in particolare Roma spegnerà le luci del Colosseo, del Palazzo Senatorio e della Basilica di San Pietro, Verona le luci della millenaria Arena di Verona e Firenze spegnerà le luci di Palazzo Vecchio, Torre Arnolfo, Ponte Vecchio e Santa Maria del Fiore, Bari le Lanterne del Lungomare N. Sauro, la Torre dell’Orologio, la facciata del Palazzo Istituzionale della città metropolitana; a Caserta si spegnerà la Reggia. Questa sera saranno spente anche le luci esterne del Palazzo del Quirinale, di Palazzo Madama e di Palazzo Montecitorio e le luci del cortile interno di Palazzo Chigi, che manterrà sulla facciata il tricolore quale simbolo dei valori dell’unità, della responsabilità e della solidarietà, propri dell'intera comunità nazionale. I comuni che hanno aderito all’iniziativa in tutta Italia sono più di 300 e rilanceranno l’iniziativa sui propri canali social e con spegnimenti locali. Fra questi i comuni della città metropolitana di Roma e oltre 30 comuni in Abruzzo.

Alla manifestazione Earth Hour 2021 è stata conferita la Medaglia del Presidente della Repubblica. L'Ora della Terra ha avuto, inoltre, i patrocini di tutte le altre più importanti istituzioni nazionali: Senato della Repubblica, Camera dei Deputati, Presidenza del Consiglio dei Ministri. Come ogni anno, la manifestazione ha avuto anche il patrocinio e la fattiva collaborazione di Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani, con cui esiste da anni una fattiva collaborazione per promuovere l'adesione dei Comuni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie