Lupi Trentino: Lndc, pronti a impugnare provvedimenti

Dopo cane sbranato a Folgaria Provincia chiede abbattimento

Redazione ANSA TRENTO
(ANSA) - TRENTO, 18 GEN - "Per ora stiamo ad osservare quello che succede ma il nostro team legale è già pronto a impugnare qualsiasi provvedimento volto a uccidere i lupi che, ricordiamo, sono una specie particolarmente protetta e fondamentale per l'ecosistema". Così, in una nota, Piera Rosati, presidente Lndc Animal Protection, interviene sul caso del cane sbranato da un branco di lupi a Folgaria, in Trentino. Alla luce di questo episodio, il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, ha richiesto a Ispra e al Ministero dell'Ambiente di rivedere le norme e consentire anche l'abbattimento dei lupi.

" Tra l'altro, basta guardare alle statistiche per capire che il lupo non rappresenta in alcun modo un pericolo per l'uomo.

Infatti, negli anni, sono stati segnalati diversi casi di predazioni a bestiame o al massimo a cani inselvatichiti ma nessuna predazione diretta a persone. Anche per questo lo spauracchio del 'se fosse capitato a un bambino anziché a un cane' non ha ragione di esistere dato che i numeri ci dicono che i lupi temono l'uomo e non si avvicinano. Piuttosto la Pat dovrebbe insegnare ai suoi cittadini a non invadere i territori popolati dai selvatici e a custodire adeguatamente i propri animali da compagnia", conclude Rosati. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA