Giornata mondiale Tigre, due anni per raddoppiare esemplari

Wwf, ultimo decennio di progessi ma ancora troppe minacce

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 29 LUG - Negli ultimi 10 anni sono stati fatti molti i progressi per la conservazione della specie, ma restano tante le minacce da contrastare per raddoppiare il numero entro il 2022. Lo scrive il Wwf in occasione del Global Tiger Day, la giornata mondiale della tigre che si celebra oggi e che quest'anno segna 10 anni da quando i 13 Paesi dei territori in cui vive si sono impegnati nel progetto Tx2, che mira a raddoppiarne il numero. "Dal minimo storico della popolazione nel 2010, le tigri stanno finalmente aumentando in gran parte dell'Asia meridionale, in Russia e in Cina, e questa è una grande notizia anche per le altre specie minacciate, con cui le tigri condividono l'habitat, e anche per i milioni di persone che dipendono da questi ecosistemi", afferma Stuart Chapman, leader della Tigers Alive Initiative del Wwf.

In particolare, rileva il Wwf, il numero delle tigri libere in natura è in aumento in cinque Paesi: Bhutan, Cina, India, Nepal e Russia, "nonostante - dice l'associazione - una terribile crisi provocata da trappole letali nel sud-est asiatico stia continuando a minacciare gran parte della popolazione di questi importanti felini". Un recente studio proprio del Wwf, ha stimato che "oltre 12 milioni di trappole stiano massacrando la fauna selvatica nelle aree protette di Cambogia, Laos e Vietnam.

Questa crisi si sta diffondendo anche in uno dei più importanti territori abitati dalle tigri nel sud-est asiatico, il Belum-Temengor in Malesia, dove dal 2009 al 2018, il numero delle tigri si è dimezzato".

Ma la storia del ritorno delle tigri in India,. sottolinea il Wwf, rappresenta un successo sorprendente: dal 2006 al 2018, infatti, si stima che la popolazione nel Paese sia più che raddoppiata. In Nepal, dal 2009, le tigri sono quasi raddoppiate e la popolazione del solo Bardia National Park è quintuplicata fino a raggiungere gli 80 individui nel 2018. Nel Parco Nazionale Royal Manas del Bhutan, le tigri sono più che raddoppiate tra il 2010 e il 2018. Nei confini settentrionali dell'areale delle tigri, in Cina e nell'Estremo Oriente della Russia, le tigri stanno aumentando e si stanno spostando in territori circostanti. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie