Sos anfibi, appello del Wwf con un vademecum per i Comuni

Cinque azioni per proteggere questi animali

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 28 FEB - Il Wwf lancia un appello per salvare gli anfibi, "animali minacciati dai cambiamenti climatici, dalla scomparsa delle zone umide e dalle specie invasive come il gambero della Louisiana". L'associazione ambientalista ha preparato WwfYoung, un vademecum per i Comuni, per difendere questi animali utilissimi anche per il controllo di insetti (sono insetticidi naturali). I 5 punti vanno dalla tutela e pulizia dei piccoli invasi alla installazione di rampe di risalita sui bordi di pozzi, cisterne e specchi d'acqua artificiali, per evitare che questi animali rimangano imprigionati.

Gli anfibi (oltre 6.500 specie nel mondo), ricorda il Wwf, "sono la classe di vertebrati più minacciata di estinzione del pianeta: il 33% delle specie di rane, rospi, salamandre e tritoni oggi esistenti è a vario grado in pericolo di estinzione. La perdita delle zone umide infatti 'corre' a velocità tre volte maggiore rispetto a quella delle foreste".

Il Wwf negli ultimi due anni ha promosso la campagna "One Million Ponds" per favorire la tutela, il ripristino e la creazione di piccole zone umide in tutta Italia. In Toscana poi, i volontari del Wwf da ormai 27 anni, sul finire dell'inverno, promuovono iniziative per tutelare il periodo riproduttivo di rane, rospi e raganelle e salvarli da morte sicura sulle strade.

L'obiettivo, spiega l'associazione ambientalista, è evitare ai piccoli animali di restare vittime del traffico veicolare mentre attraversano le strade vicino alle aree di riproduzione.

I volontari - coordinati dal biologo Carlo Scoccianti - pattugliano le aree più pericolose e fanno letteralmente attraversare la strada agli anfibi. Dove la conformazione del luogo lo permette, creano dei "rospodotti", sottoattraversamenti stradali che permettono a rane e rospi di arrivare in stagni passando illesi sotto la strada. In questi anni sono stati realizzati per gli anfibi strade dedicate, tunnel e veri e propri viadotti, come è il caso di quello realizzato in provincia di Livorno presso l'Oasi Wwf Orti Bottagone.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie