Nuovo ragno australiano chiamato Brian Greene come fisico

Individua le prede da vibrazioni di superficie acqua

Redazione ANSA

Scoperto in Australia un nuovo ragno: respira anche sotto l'acqua, caccia pesci, rane e girini ed è in grado di individuare le sue prede grazie alle vibrazioni della superficie dell'acqua. Per quest'ultimo motivo è stato chiamato Brian Greene, in onore del fisico americano tra i più importanti studiosi della teoria delle stringhe e degli effetti delle "onde" nel nostro universo.

La nuova specie è stata svelata all'inaugurazione del World Science Festival di Brisbane, che Greene ha co-fondato, dove lo scienziato ha incontrato il suo omonimo aracnide. "Con l'annuncio del mese scorso sull'individuazione delle onde gravitazionali, increspature sulla superficie dello spazio e del tempo, sono particolarmente onorato di essere associato a un ragno che ha profonda affinità con le onde", ha affermato il professor Greene all'evento.

Il nuovo ragno, battezzato "Dolomedes briangreenei" ma chiamato anche "Brian", ha diverse abilità. Appartiene alla famiglia di ragni acquatici e sfrutta le vibrazioni della superficie dell'acqua per orientarsi e scovare le sue prede.

Questi ragni sono ricoperti di peli idrofobi che consentono loro di "pattinare" sull'acqua, ma possono anche immergersi e respirare grazie all'aria intrappolata nei peli che forma come un sottile strato intorno all'animale. L'esemplare adulto è grande quanto il palmo di una mano e mangia pesci, rane e girini. Si nutre anche del temuto rospo delle canne (Rhinella marina), una delle specie più infestanti del mondo che, introdotta in Australia, ha avuto un impatto disastroso sulla sua biodiversità. Verso questa piaga il ragno Brian potrebbe quindi rivelarsi anche un'ottima arma naturale. Non è velenoso per gli esseri umani.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie