Anbi, rischio siccità in Sicilia e preoccupa Emilia Romagna

Meno acqua negli invasi rispetto al 2020, Po sotto le medie

Redazione ANSA ROMA

L'estate agricola della Sicilia si preannuncia molto difficile: attualmente le disponibilità idriche ammontano a circa 375 milioni di metri cubi, ma erano quasi 540 solo 12 mesi fa ed oltre 612 a Febbraio 2019. A renderlo noto è l'Osservatorio Anbi sulle Risorse Idriche.

Nel 2018 la situazione era assai peggiore, precisa l'Anbi, ma al Sud la stagione irrigua è già iniziata e gli invasi dell'isola trattengono meno acqua del siccitoso 2020.

Il report settimanale segnala anche le indicazioni preoccupanti che arrivano, al pari dello scorso anno, dall'Emilia Romagna, i cui fiumi sono tutti abbondantemente sotto media, avvicinandosi ai minimi storici; esemplare è la situazione dell'Enza: l'attuale portata è pari a 3,9 metri cubi al secondo; il minimo storico è mc/sec 1,3; la portata media del periodo è mc/sec 15,5 e quella 2020 era mc/sec 21,7!).

L'Autorità di Bacino Distrettuale del Po comunica che il lento esaurimento delle portate, in atto da due settimane per l'assenza di precipitazioni, ha portato, per la prima volta in stagione, anche il Grande Fiume sotto le medie di periodo (a Pontelagoscuro: -18%).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie