Campania

Carceri: garante presenta rapporto su habitat e affettività

Oliviero, garantire a reclusi certezza dei diritti

(ANSA) - NAPOLI, 06 AGO - "Abbiamo ritenuto che da entrambi questi temi (habitat e affettività), occorre ripartire per riportare al centro dell'attenzione il dettato costituzionale che assegna alla pena una funzione rieducativa e non afflittiva.
    Habitat e affettività intesi come un insieme di sentimenti, emozioni, stati d'animo e passioni, in grado di garantire l'espressione degli aspetti fondamentali della personalità.
    Carcere e affettività sembrano due parole inconciliabili per chi vive e chi si occupa di carcere": così Samuele Ciambriello, Garante campano dei detenuti presentando in Consiglio Regionale il secondo volume di Quaderni di ricerca su habitat e affettività, promosso dal suo Ufficio d'intesa con l'Osservatorio regionale sulla detenzione. L'incontro è stato introdotto dal presidente del Consiglio Regionale della Campania Gennaro Oliviero: "E' grazie al lavoro di Samuele e alla sua collaborazione con il consiglio che siamo in grado di avere un focus e un'apertura costante sugli ambienti carcerari. Il sovraffollamento da un lato e la difficoltà di garantire l'affettività e un rapporto costante con la famiglia, devono essere stigmatizzati dalla politica che devono indicare le soluzioni. Dobbiamo ricordare che in carcere non c'è una belva ma una persona che ha sbagliato e deve scontare una pena certa ma passa attraverso la certezza dei suoi diritti".
    La pubblicazione, 60 pagine, raccoglie contributi di diversi professionisti, di altri garanti, testimonianze, e una proposta di legge in materia di "tutela delle relazioni affettive intime delle persone detenute" primo firmatario la senatrice Monica Cirinnà. All'incontro hanno preso la parola alcuni autori di questi contributi: il Garante di Napoli Pietro Ioia, che ha raccontato la sua esperienza in un carcere spagnolo in cui ha avuto la possibilità di concepire una figlia durante la detenzione, Riccardo Polidoro responsabile Osservatorio Unione Camere Penali Italiane, Anna Malinconico presidente della cooperativa Città della Gioia, Claudia Felline coordinatrice dell'Osservatorio Regionale sulla detenzione.
    Durante la presentazione Ciambriello ha stigmatizzato "i campi di calcio inutilizzati negli Istituti penitenziari, i passeggi ricavati tra edifici impersonali, le dotazioni igieniche insufficienti nelle celle, il sovraffollamento delle stesse, la mancanza di spazi per la socialità nei reparti, il non utilizzo nelle aree verdi per i colloqui con i propri cari, rappresentano un carcere che non è in grado di tutelare la dignità dei detenuti, dei minori e delle loro famiglie". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie