Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Campania
  1. ANSA.it
  2. Campania
  3. Camorra: duplice omicidio, condanne per boss Casalesi

Camorra: duplice omicidio, condanne per boss Casalesi

Ergastolo a Martinelli, 20 anni per altri tre esponenti clan

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - Ergastolo per il boss dei Casalesi Enrico Martinelli e vent'anni per altri tre esponenti di spicco del clan casertano, ovvero Vincenzo Schiavone alias Petillo, Pasquale Spierto e soprattutto Francesco Schiavone alias Cicciariello, cugino del capoclan omonimo Francesco Schiavone noto come "Sandokan". E' quanto deciso dal gup del tribunale di Napoli Giuseppe Sepe al termine del processo celebrato con rito abbreviato per il duplice omicidio di Domenico Apuzzo e Salvatore Natale, avvenuto nell'ottobre del 2003 nella frazione Brezza di Grazzanise (Caserta).
    Le due vittime - è emerso dal processo - furono trucidate a colpi di fucile a pallettoni e kalashnikov mentre stavano andando a lavorare in auto nei campi; la vettura dei sicari si affiancò alla loro e partì la pioggia di proiettili. Apuzzo e Natale, che erano cognati e avevano allora 33 e 40 anni, provarono a scappare, ma la loro fuga durò poco perché l'auto finì in un canale di scolo. I due furono uccisi dal clan per punizione, in quanto ritenuti responsabili di alcuni incendi di natura dolosa divampati all'interno dei fienili di aziende bufaline della zona, tra cui quella del boss Martinelli; la loro esecuzione, è emerso, servì al clan a riaffermare la propria supremazia ed il proprio predominio sul territorio.
    Durante il processo Spierto ed i due Schiavone hanno fatto delle ammissioni, ottenendo la concessione delle attenuanti generiche in misura equivalente alle aggravanti, e uno sconto di pena rispetto a Martinelli. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        301 Moved Permanently

        301 Moved Permanently


        nginx
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie