Campania

Violenze in carcere: ex detenuto pestato si riconosce nei video

"Quello pestato sulle scale sono io... furono momenti terribili"

(ANSA) - NAPOLI, 08 LUG - "Mi sono rivisto, ero quello con la tuta grigia e la maglia nera picchiato sulla scala, che cade e perde anche una scarpa mentre viene fatto salire a forza". Dopo il sussulto d'ansia per gli arresti della scorsa settimana, Salvatore ha rivissuto letteralmente l'incubo del pestaggio subito il 6 aprile del 2020 al carcere di Santa Maria Capua Vetere, attraverso le immagini diffuse dagli organi di stampa.
    Lui, venne scarcerato poco dopo quelle violenze e appena gli fu possibile si recò a denunciare l'accaduto.
    "Nonostante fossi disperato e piangessi, - ricorda Salvatore - l'agente continuava a darmi schiaffi. Poi ho preso altre botte mentre continuano a salire. Mi ripetevano: 'da oggi comandiamo noi. Hai capito? Sono stati momenti terribili, assurdi, che ancora oggi faccio fatica a credere che siano successi".
    Salvatore è stato tra i pochi dei circa 300 detenuti del Reparto Nilo pestati ad aver denunciato quasi subito i fatti alle autorità; qualche giorno dopo le violenze, il 10 aprile fu infatti scarcerato e posto ai domiciliari a Castel Volturno, dove parlò con i carabinieri raccontando gli abusi patiti in carcere. Di Salvatore, altri detenuti hanno raccontato che quel giorno le prese "più degli altri". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie