Campania

Da Giffoni l'osservatorio festival per fare Italia più bella

Da qui la nuova rivoluzione culturale che parte dal basso

(ANSA) - NAPOLI, 13 GIU - "È la vittoria delle periferie.
    Anche le grandi città avranno bisogno di attingere a questa forza. Le realtà locali meritano di emergere e di essere patrimonio nazionale e internazionale. Non facciamoci trovare impreparati, noi saremo al vostro fianco". Questo l'appello del fondatore e direttore di Giffoni Claudio Gubitosi al termine della tre giorni che ha visto protagonisti oltre duecento direttori e organizzatori di cento festival e rassegne cinematografiche italiane.
    A sottolineare lo spirito di un'iniziativa fortemente voluta da Giffoni per provare a costruire una rete e far ripartire insieme l'Italia della cultura, è stato Jacopo Gubitosi, managing director: "Da oggi qualcosa è cambiato. Finalmente potremo collaborare concretamente e fattivamente. Ci saranno nuove occasioni per approfondire quanto di buono è emerso in questi giorni. Ho seguito con interesse tutti gli interventi. Dalle vostre parole è emersa come un'urgenza, quella di condividere esperienze e sottrarre così spazio alla solitudine. Ci accomuna la passione per il cinema, ci accomuna la voglia di fare del cinema uno strumento di crescita culturale e sociale. Sono certo che insieme potremo fare grandi cose. Giffoni ha voluto tutto questo per spirito di servizio, senza nessuna altra ambizione".
    Dalla tre giorni non nasceranno infatti associazioni, "ma un osservatorio che ci metterà ancora di più nella condizione di esercitare i nostri diritti all'interno del sistema Paese, dove nessuno ha una titolarità esclusiva, ma tutti lavorano insieme per fare più bella e più ricca la nostra Italia". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie