Whirlpool: Fim, Fiom e Uilm, bloccare scelta multinazionale

Appello al prefetto di Napoli di Fim, Fiom e Uilm

(ANSA) - NAPOLI, 11 GIU - La fine del blocco dei licenziamenti "potrebbe criticizzare una situazione già drammatica e complicata". E' quanto si legge nel documento che Fim, Fiom e Uilm di Napoli hanno consegnato oggi in Prefettura al termine del presidio promosso dalle organizzazioni di categoria sulla vertenza Whirlpool.
    Un'iniziativa che cade "a pochi giorni - annuncia il sindacato - dalla manifestazione di gruppo che terremo il 18 giugno prossimo in cui Fim-Fiom-Uilm nazionali e i lavoratori di tutti territori, in cui c'è una presenza della Whirlpool, si recheranno nella capitale per chiedere al Governo di riconvocare il tavolo e dare una chiara direzione nel rispetto degli accordi e degli impegni istituzionali, per dare una svolta ad una vertenza che è già diventata fortemente simbolica, ma sta assumendo, nel nuovo contesto produttivo e di mercato, un carattere paradossale".
    "Oggi, dopo due anni di vertenza - prosegue il documento - registriamo sofferenze rispetto a quanto prospettato nel piano di investimenti in tutti i siti e la ferma decisione di fermare e dismettere l'impianto di Napoli senza aver effettuato nessun investimento. A questo punto chiediamo al Governo di bloccare questa scelta della multinazionale che se non venisse contrastata creerebbe due precedenti gravi per tutto il gruppo e anche, a cascata, per ogni vertenza che dovesse riguardare multinazionali in Italia".
    Il sindacato ribadisce, quindi, il suo "no alla violazione degli accordi siglati" e spinge per il "rilancio del Piano Italia nella sua interezza", affinché "ci sia un contrasto reale e concreto alle scelte delle multinazionali che abbandonano il territorio italiano". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie