Traffico rifiuti e inquinamento, sei arresti anche "Re Mida"

Operazione Dda fra Campania e Basilicata, in carcere Cardiello

(ANSA) - POTENZA, 12 APR - Traffico organizzato di rifiuti e inquinamento ambientale sono le accuse che la Direzione distrettuale antimafia di Potenza ha mosso a sei persone - fra le quali Luigi Cardiello, di 76 anni, soprannominato il "Re Mida" dei rifiuti in inchieste condotte in Campania negli anni fra il '90 e il 2000 - arrestate oggi dai Carabinieri.
    L'operazione è stata chiamata "Shamar", una parola ebraica che significa "custodire gelosamente, tenere caro, ritenere prezioso", con riferimento alla necessità di salvaguardare l'ambiente, anche quello della riserva naturale Foce Sele-Tanagro, in Campania.
    Cardiello è l'unico per il quale il gip distrettuale di Potenza ha disposto la detenzione in carcere; gli sei arrestati sono ai domiciliari; un'altra persona ha ricevuto l'obbligo di dimora. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie