Sportello antiviolenza nell'Accademia di Belle Arti Napoli

Nasce 'La stanza' dal 12 aprile con la cooperativa sociale EVA

(ANSA) - NAPOLI, 10 APR - La Stanza è il nome dello sportello di ascolto antiviolenza rivolto a tutte le studentesse, gli studenti ed il personale dell'Accademia di Belle Arti di Napoli che sarà attivo internamente a partire da lunedì prossimo, 12 aprile. Il progetto, è il risultato di un lavoro di sinergia attuato da oltre un anno, con la Cooperativa Sociale E.V.A.
    L'obiettivo condiviso, fano sapere dall'Accademia, è quello di potere offrire uno spazio dedicato di ascolto, un luogo sicuro di accoglienza dove potere raccontare ogni dubbio, paura e difficoltà e consentire l'emersione di qualsiasi forma di abuso e violenza con la garanzia di riservatezza ed anonimato e nella totale libertà di espressione.
    Sono stati coinvolti gli studenti del corso di Design della Comunicazione che, a valle di un percorso di sensibilizzazione, guidati dalla prof.ssa Ivana Gaeta hanno ideato il nome, il logo e le grafiche. Lo sportello sarà gestito da operatrici specializzate supportate all'occorrenza da consulenti legali e psicologhe della Cooperativa e sarà attivo il lunedì e il mercoledì. Le prenotazioni avverranno all'indirizzo sportello.antiviolenza@abana.it, e gli incontri, al momento partiranno in modalità online, attraverso la piattaforma Teams.
    "La criticità maggiore - dice Lella Palladino sociologa e fondatrice della Cooperativa E.V.A. - per prevenire e contrastare la violenza è relativa alla difficoltà di metterla in connessione con le dimensioni di potere e di controllo che gli uomini ancora pensano di potere esercitare sulle donne, ad una dimensione culturale in cui è ancora il maschile la norma ed il linguaggio riproduce disuguaglianze e cristallizza pregiudizi. Le donne che trovano il coraggio di chiedere aiuto non sempre incontrano operatori accoglienti e con la competenza specialistica in grado di non operare il consueto ribaltamento di responsabilità che tende a spostare l'attenzione e ad attribuire la colpa del reato commesso alla vittima piuttosto che all'autore. Lo sportello antiviolenza dell'Accademia è la giusta risposta all'impotenza collettiva e diffusa che scoraggia ad uscire da situazioni ambivalenti di ricatto e molestie".
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie