Campania

Camorra: beni per 10 mln confiscati ai fratelli Vassallo

Dopo condanna per smaltimento illegale rifiuti con i Casalesi

(ANSA) - CASERTA, 23 MAR - Beni mobili ed immobili per circa 10 milioni di euro , tra i quali 44 immobili a uso commerciale e abitativo, 13 ettari di terreno e, 900.000 euro su conti correnti - sono stati confiscati dalla Guardia di Finanza ai fratelli Antonio, Nicola e Salvatore Vassallo, imprenditori dei rifiuti di Cesa (Caserta), condannati in primo grado a sei anni di reclusione per il reato di disastro doloso aggravato dal "metodo mafioso".
    I fratelli Vassallo sono stati condannati per smaltimento illegale, per conto del clan dei Casalesi, di rifiuti speciali e pericolosi in discariche abusive, tra cui Cava Giuliani" a Giugliano (Napoli) I tre sono fratelli di Gaetano Vassallo, anch'egli imprenditore dei rifiuti al servizio dei Casalesi e ritenuto tra i massimi organizzatori di traffici e sversamenti illeciti di rifiuti, insieme all'altro imprenditore del clan Cipriano Chianese, condannato per il disastro ambientale della discarica "Resit" di Giugliano. Vassallo ha iniziato a collaborare con la giustizia nel 2007, raccontando degli smaltimenti illeciti fatti con i fratelli, facendoli anche arrestare nel 2008 e condannare.
    I fratelli Vassallo avrebbero operato - secondo quanto emerso dalle indagini della Dda di Napoli e dal processo di primo grado, -attraverso la società "Novambiente srl", a loro riconducibile e sotto il controllo della famiglia camorristica dei Bidognetti di Casal di Principe, riuscendo a smaltire per anni iun' ingente quantità di rifiuti in numerose discariche abusive, provocando gravi danni ambientali alle aree circostanti, parte delle quali adibite a coltivazioni agricole.
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie