Costretto dal clan a vendere azienda, assolti fratelli capoclan

Assolti anche tre nipoti di Michele Zagaria e altri tre imputati

(ANSA) - NAPOLI, 03 MAR - La Corte di Appello di Napoli ha confermato la sentenza di assoluzione, con la formula "il fatto non sussiste", per Pasquale, Carmine ed Antonio Zagaria, fratelli del boss dei Casalesi Michele Zagaria, per Filippo, Raffaele e Francesco Capaldo, nipoti del boss (sono i figli di Beatrice Zagaria), e per gli altri tre imputati Ciro Benenati, Pasquale Fontana e Nicola Diana; tutti, già assolti in primo grado, erano accusati di estorsione con l'aggravante mafiosa commessa nei confronti dell'imprenditore del settore lattiero-caseario Roberto Battaglia, che aveva denunciato gli Zagaria, finendo anche sotto scorta (il dispositivo di sicurezza gli è stato revocato un anno e mezzo fa). La Procura generale aveva chiesto per tutti condanne da sei a 14 anni di carcere, ma i magistrati d'appello hanno condiviso l'impostazione dei difensori degli imputati, che puntavano sull'inattendibilità di Battaglia, emersa dalle dichiarazioni del pentito Massimiliano Caterino, ex braccio destro del boss Michele Zagaria, che aveva raccontato che Battaglia era amico dei fratelli Zagaria tanto da aver preso parte anche al matrimonio di Carmine Zagaria. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie