Vaccini: dosi a studenti Medicina,e poi tornano in corsia

Università Napoli parte con vaccino dal terzo al sesto anno

(ANSA) - NAPOLI, 12 GEN - "Viviamo un periodo difficile e per me è un onore essere il primo studente della Vanvitelli vaccinato, sono emozionato ma lo vivo con serenità". Lo afferma Mario Ascione, 25enne studente di Medicina al sesto anno che stamattina è stato il primo vaccinato dell'ateneo al Policlinico di Napoli. L'Università Vanvitelli ha iniziato infatti oggi a vaccinare anche gli studenti degli ultimi tre anni per permettere loro di riprendere le lezioni in reparto.
    "E' un punto di svolta - spiega Ascione - che viviamo grazie a una rivoluzione scientifica. Non sono preoccupato per il vaccino e invito le persone che l'avranno a non esserlo, ci fidiamo di chi ha fatto questo vaccino, professionisti che hanno passato anni di studio per mettere le loro conoscenze a disposizione dell'umanità. Ci fidiamo del giudizio di chi ha messo a punto il vaccino, ci sono studi difficili da interpretare per chi non ha studi specifici".
    Ascione ricorda che però le cautele sociali restano: "Il vaccino - spiega - dal punto di vista individuale non cambierà molto, quando tutta la popolazione o buona parte sarà vaccinata allora possiamo sperare di tornare alla situazione 'quo ante'.
    Quindi per ora porteremo ancora la mascherina e vivremo nel distanziamento sociale, nonostante la vaccinazione".
    In fila per la prima giornata degli studenti anche Giuliana Angelo che vive come una liberazione il poter tornare in corsia dopo il vaccino: "Avremo la possibilità - dice - di andare in reparto, un'opportunità che in questi mesi non abbiamo avuto e che ci ha penalizzato, perché fare esperienza è importante".
    Con lei Rosaria Di Bello, collega del sesto anno: "Vaccinarci significa sperare nella ripresa della quotidianità in ambito accademico. Mi è mancata la possibilità di crescere nello studio ma anche di farlo in un contesto collettivo, non solo nella propria camera in uno studio individuale". E la studentessa parla anche della privazione della socialità al di là dello studio: "Non poter uscire a distrarsi a fine giornata - spiega - influisce sul nostro impegno quotidiano anche a livello psicologico, perché al di là di tutta la narrazione mediatica della movida, esiste un livello di socialità che vogliamo riscoprire e che ci manca". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie