Campania

Pompei, gli scavi rivelano "fondata dagli etruschi"

Osanna ai Lincei, arrivati da Cere, Tarquinia Veio e Orvieto

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Sarebbero stati gli etruschi, molti secoli prima che la città diventasse una colonia romana, a fondare Pompei, a dare alla città la sua forma, ad organizzare le sue strade "seguendo il cielo e le stelle" come già avevano fatto per Tarquinia, Veio, Cerveteri, a costruire i suoi primi santuari, sulla via che dalla città portavano al porto, snodo dei traffici commerciali. E' l'ipotesi alla quale sembrano portare "con grande insistenza" gli studi sul materiale riportato alla luce nelle ultime campagne di scavo in corso nel parco archeologico patrimonio dell'umanità e che permetterebbe dopo secoli di sciogliere il mistero sulle origini della città seppellita dall'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C..
    A parlarne il direttore del parco archeologico Massimo Osanna, da settembre alla guida anche della direzione generale dei musei del Mibact, che insieme all'archeologo Carlo Rescigno, accademico dei Lincei e professore di archeologia classica all'Università della Campania Luigi Vanvitelli, ha presentato le nuove scoperte all'Accademia dei Lincei, in una tavola rotonda con Fausto Zevi, professore emerito di storia dell'arte greca e romana alla Sapienza di Roma e accademico dei Lincei, Carmine Ampolo, emerito di storia greca alla Normale di Pisa, Pier Giovanni Guzzo, per molti anni alla guida degli Scavi di Pompei, con l'introduzione dell'accademico Roberto Antonelli.
    L'ipotesi, racconta Osanna, è quella di una città che viene fondata e costruita nell'arco di pochi decenni da un gruppo di persone, in parte forse anche schiavi liberati, una comunità "di lingua e cultura etrusca" che però per costruire mura, case e templi, si avvale di "maestranze locali", campane quindi e influenzate dal melting pot di culture che allora animava il territorio campano, dagli italici ai greci. Una città ricca e potente, fino ad un tragico stop. Che arrivò nel 474 a.C , per le conseguenze politiche della battaglia navale di Cuma, che i greci vinsero contro gli etruschi. Pompei, che in quello "scacchiere internazionale" era schierata dalla parte della madrepatria, di fatto dopo quella battaglia sparì, forse anche abbandonata dai suoi abitanti, per quasi un secolo. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie