Bendata a interrogazione: colleghi, non è stata costrizione

'Politici e mass-media hanno strumentalizzato vicenda'

(ANSA) - NAPOLI, 30 OTT - Si dicono fieri della loro insegnante e della loro scuola gli alunni del liceo "Caccioppoli" di Scafati (Salerno), dopo il clamore sollevato da un consigliere regionale, seguito da altre reazioni per l' interrogazione in didattica a distanza di una loro collega bendata. L' insegnante di Latino e Greco aveva chiesto a due ragazze di applicare una benda sugli occhi per evitare che consultassero gli appunti.
    "Nessuno è stato costretto, era solo una prova per dimostrare a sé stessi che esistono altri occhi da cui poter guardare", scrivono gli alunni della II° B del lice "Caccioppoli" in un post pubblicato sulla pagina ufficiale del liceo. Il post è firmato dalla "ragazza bendata" e da "tutta la II°B"".
    Gli studenti protestano per il la lettura deformante dell' accaduto di politici e mass-media.
    "Il 28 ottobre, nella nostra classe - scrivono gli alunni del liceo di Scafati - alcuni sono stati interrogati bendati; tra risate generali, e battute di vario tipo hanno messo alla prova le proprie conoscenze e, con concentrazione, sono riusciti ad ottenere ottimi risultati. Nessuno è stato costretto, era solo una prova qualsiasi per dimostrare a sé stessi che esistono altri occhi da cui poter guardare.
    "Vi sembra un insegnamento così crudele, Una pena così ingiusta? - aggiungono gli studenti - Perché tutto in questa società così famelica viene strumentalizzato e pregiudicato dalle cattive opinioni?". La conclusione è polemica: "Se tutto questo non fosse abbastanza per convincervi a guardare oltre le apparenze di una foto, allora continueremo a non curarci delle vostre parole. Guarderemo e passeremo oltre. Il futuro è nostro".
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie