(ANSA) - NAPOLI, 22 MAG - Oltre 500 persone hanno partecipato alla manifestazione dei lavoratori stagionali del turismo che protestano per il mancato ottenimento del bonus governativo dei 600 euro, tenutasi stamattina ad Ischia.
    Presenti oltre ai dipendenti d'albergo lavoratori di quasi tutte le attività isolane dell'indotto turistico che annovera oltre 12.000 stagionali, molti dei quali sono stati esclusi da qualsiasi sussidio.
    Per Gennaro Savio l'organizzatore della protesta "il governo non ha riconosciuto la stagionalità a molti lavoratori: loro perderanno 1.800 euro e Ischia 16 milioni di euro di sussidi che mancheranno non solo ai lavoratori ma a tutta l'economia isolana. Chiediamo a Conte, a De Luca, ai sindaci isolani di difendere i lavoratori con il bonus di marzo e con la Naspi dal 1° giugno a tutti gli stagionali che resteranno senza lavoro; per quelli che potranno lavorare per qualche mese questa estate chiediamo la Naspi o la cassa integrazione dal licenziamento sino alla riassunzione nel 2021".
    Nel suo intervento il sindaco di Ischia Enzo Ferrandino ha affermato: "Ci stiamo impegnando con gli altri sindaci isolani per far sentire la vostra voce al governo; gli ischitani non vogliono solo sussidi ma soprattutto il lavoro e dobbiamo fare il possibile perché questa estate non vada persa; il nostro comune non ha la possibilità economica di riconoscervi fondi e siamo perciò frustrati nel non potervi aiutare" Secondo l'assessore al Turismo di Casamicciola, Carotenuto "la manifestazione di oggi è un segnale importante trasmesso al governo ed il primo passo della battaglia a difesa dei diritti degli stagionali che vivono una situazione drammatica" .(ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie