(ANSA) - NAPOLI, 22 MAG - "Per la concessione dei bonus di sostentamento è stata creata dalla Regione un'assoluta discriminazione fra le imprese".
    E' quanto afferma il consigliere regionale del "Movimento 5 Stelle" Gennaro Saiello, che ha sollevato il problema durante il question time, ottenendo la risposta dell' assessore alle attività produttive Antonio Marchiello.
    "I requisiti del bando lasciano fuori le start up - aggiunge Saiello - in particolare quelle nate nel 2020, mentre è stata preclusa la stessa opportunità a tutte quelle attività che, pur restando aperte e dovendo supportare costi vivi, sono state penalizzate da un'affluenza sensibilmente ridotta di clienti costretti a casa per il lockdown, con incassi calati di circa il 70%".
    "La risposta della giunta - conclude il consigliere di M5S - è stata contraddittoria, avendo dichiarato che sono da considerare microimprese tutte quelle che hanno un fatturato che non supera i due milioni di euro e che non hanno alle dipendenze più di dieci persone. Ciò contraddice la linea utilizzata perché i parametri non sono quelli corrispondenti a ciò che viene chiesto dalla nostra Regione che, rispetto ad altre, non è il modello virtuoso che vuole fare apparire". (ANSA)

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie