Covid: Spirlì, se superiamo momento critico poi via d'uscita

'Siamo fondamentalmente nelle nostre mani'

(ANSA) - CATANZARO, 23 OTT - "Se supereremo ancora una volta questo momento critico, come abbiamo già saputo fare, troveremo una via d'uscita come altri e, mi auguro, prima di tanti altri".
    Lo afferma il presidente facente funzioni della Regione Calabria in un messaggio ai calabresi dopo l'ordinanza che prescrive una serie provvedimenti che prevedono norme più stringenti per la prevenzione della diffusione del Covid.
    "Sarete informati costantemente - prosegue - non ci saranno silenzi. Non avvertirete distanza e assenza, non mancherà la nostra presenza, compresa, ovviamente, la mia, che non mancherà mai. Vi ringrazio per l'amore e l'affetto dimostrato nei confronti del presidente Santelli. Jole lo ha meritato e merita anche il piccolo grande sacrificio delle prossime due settimane".
    "Non sarà - prosegue Spirlì parlando dell'ordinanza - una misura molto restrittiva, però vi prego di rispettarla. Siamo, fondamentalmente, nelle nostre mani. Abbiamo bravissimi medici e ottime strutture ospedaliere che si stanno organizzando. Come abbiamo potuto apprezzare nei momenti difficili della primavera, loro hanno saputo arginare l'emergenza con un lavoro estenuante, con una applicazione umana e umanitaria incredibile. Ognuno di noi ha bisogno di tutti gli altri. Garantiamoci a vicenda la tutela della salute, in particolare ai più giovani raccomando quella dei più anziani; ai genitori raccomando la tutela e il controllo della salute propria e dei propri figli; e a tutti quanti auguro una capacità di amore nei confronti dell'altro, una capacità di fratellanza che abbiamo sempre saputo dimostrare".
    Commentando, infine, le indiscrezioni sull'ordinanza circolate dalla serata di ieri, Spirlì afferma che "più che una fuga di notizie, è stata l'azione innocente di uno dei soggetti interessati al giro di consultazioni che ho voluto intraprendere a proposito dell'ordinanza restrittiva. Peraltro, è stata una cassa di risonanza, non allarmata e non allarmistica, per un atto amministrativo che avrebbe potuto, di suo, creare motivo di turbamento nella popolazione. I calabresi - conclude - hanno potuto conoscere, dalla viva voce del loro presidente facente funzioni, il metodo che questa amministrazione ha messo in atto fin dal primo giorno di insediamento: contatto, confronto, ascolto e condivisione. Le porte del palazzo sono state sfondate, i cittadini partecipano alle decisioni. Anche a quelle più difficili". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie