Carabinieri: a Melfi ricordato sacrificio brigadiere Cezza

Mortalmente ferito 30 anni dopo essere intervenuto per una rissa

(ANSA) - MELFI, 22 LUG - Il sacrificio del brigadiere dei Carabinieri Antonio Cezza, mortalmente ferito il 17 luglio 1990 nella villa comunale di Melfi (Potenza) dopo essere intervenuto - mentre era libero dal servizio - per sedare una violenta rissa, è stato ricordato oggi in una cerimonia alla quale hanno partecipato il padre e il fratello del sottufficiale, il comandante della Legione Carabinieri "Basilicata", generale di brigata Rosario Castello, e il comandante provinciale di Potenza, colonnello Nicola Albanese.
    Cezza, che aveva 26 anni, era nato a Cursi (Lecce): quel giorno, a Melfi, affrontò "per primo un malvivente armato di fucile che, alla sua vista, esplose diversi colpi", ferendolo al viso: il giovane sottufficiale morì cinque giorni dopo nell'ospedale "San Carlo" di Potenza. Gli fu conferita la medaglia d'argento al valor militare alla memoria. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        ANSAcom

        La salute naturale del bambino di Vitalia Murgia (ANSA)

        Covid: pediatra a genitori, no al panico per la prima febbre

        Se temperatura sale la sera, bimbo resti a casa anche se sfebbra



        Modifica consenso Cookie