Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

  1. ANSAmed.it
  2. Agenda
  3. A Vicenza la mostra 'I creatori dell'Egitto eterno'

A Vicenza la mostra 'I creatori dell'Egitto eterno'

In esposizione 180 pezzi originali da Torino e dal Louvre

(ANSAmed) - ROMA, 10 GEN - Prosegue a Vicenza la mostra 'I creatori dell'Egitto eterno. Scribi, artigiani e operai al servizio del faraone', ospitata all'interno della Basilica Palladiana. La rassegna è già stata considerata da alcuni critici come una delle mostre sull'Egitto più importanti mai realizzate a livello internazionale. In mostra sono esposti 180 reperti originali, 160 provenienti dal Museo Egizio di Torino e 20 dal Louvre di Parigi, tra i quali statue, sarcofagi, papiri, bassorilievi, stele scolpite e dipinte, anfore, amuleti, strumenti musicali, che permettono di ricostruire la vita quotidiana degli abitanti di Deir el-Medina. Molti dei manufatti, quali fusaiole, cesti, spatole venivano usati ogni giorno dalle persone per svolgere le loro attività quotidiane.

Di grande interesse si rivelano i numerosi "ostraka", frammenti di vasi o schegge di pietra utilizzati dagli Egizi per esercitarsi, come su una sorta di 'tablet' contemporanei, nella scrittura e nel disegno. I testi tramandati sono di varia natura: da documenti amministrativi ed economici a scritti di carattere religioso o letterario, poesie d'amore e lettere private. In esposizione anche disegni di scorci più intimi, come l'"ostrakon" che raffigura una scena di allattamento o quello che rappresenta due donne intente a ingioiellarsi all'interno delle loro stanze. La grande mostra sull'Egitto, che resterà aperta per quasi cinque mesi sino al 7 maggio 2023, ha aperto nell'anno in cui vengono celebrati gli anniversari di due avvenimenti fondamentali per la storia dell'Egittologia: i 200 anni dalla decifrazione dei geroglifici da parte di Champollion e il centenario della scoperta della tomba di Tutankhamon.

(ANSAmed).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Modifica consenso Cookie