Con riciclo pavimento strade meno Co2 pari a 4 raffinerie

Nel 2021 recuperato 30% e risparmiate materie prime per 420 mln

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 25 NOV - Cresce in Italia il tasso di riciclo delle pavimentazioni stradali con il recupero di fresato che raggiunge il 30% del totale, rispetto al 20% del 2014 e al 25% del 2018. Grazie alle pavimentazioni recuperate nel 2021 si è evitato l'utilizzo di 420.000 tonnellate di bitume vergine e di 10.500.000 tonnellate di inerti, per un risparmio complessivo di circa 420 milioni di euro di sole materie prime e una riduzione di emissioni inquinanti equivalenti a quelle generate da 4 raffinerie di medie dimensioni.
    E' quanto emerge dall'analisi condotta dal Siteb - Associazione Strade Italiane e Bitumi - sul riciclo delle pavimentazioni stradali in Italia e nei principali Paesi Europei (fonte Eapa) secondo cui resta ancora da colmare il gap rispetto ad altri Paesi europei che in media arrivano a recuperare circa il 65% con la Germania all'82% di riciclo di fresato, la Francia al 75%, la Svizzera al 90% e la Spagna al 60%.
    Secondo l'analisi - resa nota in occasione di Asphaltica, il Salone dedicato alle tecnologie e soluzioni per pavimentazioni stradali, sicurezza e infrastrutture viarie, promosso dall'Associazione e da Veronfiere e in corso fino al 26 novembre presso la fiera di Verona - "burocrazia, complesso e non uniforme regime delle autorizzazioni e pregiudizio frenano ancora lo sviluppo del riciclo".
    Il fresato, totalmente riutilizzabile nelle costruzioni stradali, possiede un elevato valore economico: Siteb ha calcolato che il riutilizzo del 30% del fresato sul totale di 35 milioni di tonnellate di conglomerato bituminoso previsto per quest'anno, comporterà il mancato impiego di 420.000 tonnellate di bitume vergine (con relativa riduzione del fabbisogno di petrolio) e il risparmio di 10,5 milioni di tonnellate di inerti, per un valore economico complessivo di circa 420 milioni di euro per le sole materie prime. Ipotizzando che in un futuro non lontano il recupero del fresato possa raggiungere almeno quota 50%, si potrebbe arrivare a impiegare 700.000 tonnellate di bitume in meno ed evitare l'utilizzo 17,5 milioni di tonnellate di inerti vergini, con un risparmio pari a 700 milioni di euro. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA