Manager per il clima a Wef, niente sarà più come prima

Ceo Action Manager, impegno neutralità climatica entro il 2050

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 16 SET - Niente più 'business as Usual'. E' quanto hanno affermato 30 amministratori delegati e alti rappresentanti di aziende multinazionali in una dichiarazione presentata nel corso di una conferenza del World Economic Forum a Ginevra. Secondo i leader delle grandi aziende riuniti nel 'Ceo Action Group', tra cui per l'Italia l'amministratore delegato di Eni Claudi Descalzi e il suo omologo in Snam Marco Alverà, "la ripresa post Covid-19 è l'occasione per reimpostare l'economia europea secondo un nuovo modello di crescita, che punta a emissioni 'net-zero', basato sulla circolarità, sulle energie rinnovabili e sull'industria a basse emissioni di carbonio".
    Il Ceo Action Group ritiene che la via d'uscita dalla crisi attuale "non può essere più la stessa" e i suoi membri si impegnano a "ridurre l'impronta carbonica" delle aziende e a "impiegare nuovi modelli di produzione e di lavoro" per fornire il proprio contributo alla "decarbonizzazione dell'economia europea e raggiungere la neutralità climatica entro il 2050".
    "La pandemia da Covid-19 - spiegano i 30 manager europei intervenuti alla conferenza del World Economic Forum di Ginevra - richiede interventi economici massicci e coordinati sia per mitigare le ripercussioni economiche della pandemia sia, soprattutto, per accelerare la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio". "Dobbiamo intraprendere azioni sempre più rapide - affermano - con maggiore enfasi sulla sostenibilità e sulla circolarità".
    In particolare "il Green Deal europeo rappresenta un'opportunità per fare proprio questo" e "richiede una forte collaborazione tra business, politica e società". "Insieme - affermano i manager - possiamo rendere l'Europa la regione più verde, più innovativa e inclusiva al mondo in grado di fornire, grazie al Green Deal, lavoro e prosperità economica allo stesso tempo".
    Un 'piano d'azione', quello annunciato dai manager, che, secondo i co-presidenti del Ceo Action Group Thomas Buberl (Axa), e Feike Sybesma (presidente Onorario di Royal Dsm) è "un passo importante con azioni concrete a sostegno di questa agenda". "L'Ue - ha commentato B›rge Brende, presidente del World Economic Forum - sta mettendo in atto il piano di incentivi più ampio e più verde mai realizzato e per le imprese è il momento giusto per dimostrare come possono contribuire al raggiungimento degli obiettivi climatici" fissati dall'Unione stessa. "Come passo successivo - ha concluso - questo gruppo sta lavorando a progetti pilota volti a dimostrare come accelerare l'azione in settori come il trasporto e la mobilità sostenibile, l'alimentazione e l'agricoltura e i mercati delle energie rinnovabili". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA