Da imballaggi smart e pesca doc, pronti 500 milioni

I progetti di Prima sul Mediterraneo. Ad Expo 2020 a Dubai idee simbolo Italia

Redazione ANSA ROMA

 Dagli imballaggi intelligenti alla pesca certificata in chiave anti-frode, dal latte di cammello alle serre collegate a pc e smartphone. Sono questi alcuni dei progetti finanzianti attraverso il programma Prima, che sostiene iniziative d'innovazione nel campo dell'agro-food tra i Paesi del Mediterraneo. Regione che per il ministro dell'Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, "è il nostro futuro". In particolare si deve guardare all'Africa, il Continente "più giovane" e "che cresce di più". Qui, avverte, "l'Italia può giocare un ruolo importante". "Abbiamo un budget di mezzo miliardo di euro su sette anni e questo fa del progetto Prima, secondo le parole del commissario Ue, il più grande programma di cooperazione scientifica mai lanciato nel Mediterraneo", spiega il presidente della Fondazione Prima, Angelo Riccaboni, in occasione dell'info-day in cui, dopo aver fatto il punto sull'anno appena trascorso, è stata aperta una nuova stagione dei bandi. Per il 2020 a disposizione ci sono 70 milioni e ai progetti vincitori sarà offerta anche la platea dell'Expo di Dubai. Il commissariato Italiano per Expo 2020 ha infatti siglato un protocollo di intesa con il segretariato italiano di Prima, che ha sede al Santa Chiara Lab dell'Università di Siena. E le idee che l'hanno spuntata in questi anni, il programma è partito nel 2018, sono un po' il simbolo di quel che l'Italia vuole portare alla prossima esposizione universale.
    "Un'operazione di grandissima diplomazia scientifica oltre che culturale", che punta sul valore delle competenze multidisciplinari. Sarà questa l'impronta italiana all'Expo, sottolinea la responsabile delle relazioni istituzionali del commissariato italiano, Tiziana Di Censo. Intanto tra i vincitori dell'edizione spaccano i progetti italiani: uno su tre tra quelli selezionati e poi finanziati è a guida tricolore. E' 'Made in Italy' il progetto per la tracciabilità e l'autenticità della pesca del Mediterraneo, ovvero per l'acciuga e il tonno rosso 'doc'. Progetto che si avvale di blockchain, etichettatura intelligente, metodi analitici e sensoriali per la valutazione della pesca. C'è poi la sperimentazione per monitorare in tempo reale le condizioni di frutta e verdura attraverso dispositivi collegati ad app e imballaggi intelligenti, con lo scopo di conservare al meglio gli alimenti. Vede come capofila l'Italia anche il sistema per gestire e prevenire le malattie delle piante e i parassiti nelle colture di pomodori, integrando dati su suolo e clima. Il meccanismo fornisce feedback agli agricoltori direttamente su Pc, tablet o smartphone. Il messaggio per il ministro "è che la tecnologia aiuta l'ambiente, mentre spesso dal punto di vista culturale abbiamo vissuto una contrapposizione tra cultura e ambiente".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA