Glencore: Bluebell, via il carbone per rilanciare il titolo

Fondo attivista chiede spin-off per attrarre più investitori

Redazione ANSA MILANO

(ANSA) - MILANO, 30 NOV - Il carbone non fa male solo all'ambiente ma anche alle quotazioni azionarie. Ne è convinto il fondo attivista Bluebell che, lo scorso 8 novembre, ha inviato una lettera a Glencore, nel cui capitale ha investito, chiedendo una serie di azioni correttive per rilanciare il titolo, quotato alla Borsa di Londra.
    "A causa delle sue attività nel carbone, Glencore non è una società su cui gli investitori che mettono la sostenibilità al centro del loro processo di investimento possono investire", scrive Bluebell, ricordando che il carbone rappresenta "una grande barriera" per Glencore, come dimostra la decisione di Norges Bank di non investire più nel colosso minerario con base a Londra Il fondo attivista boccia come "moralmente inaccettabile e finanziariamente errato" l'attuale piano che prevede che il carbone resti nel gruppo fino al completo run-off nel 2050 e chiede, con uno spin-off, una "chiara separazione tra asset a carbone e decarbonizzati", allo scopo di "aumentare il valore degli azionisti e rimuovere 'lo sconto carbone'" e "assicurare allo stesso tempo che gli asset nel carbone siano gestiti responsabilmente", eventualmente anche con "una più severa politica Esg".
    Lo spin-off favorirebbe "il riposizionamento di Glencore come un puro operatore su metalli", come rame, zinco, nickel, cobalto e vanadio, "che sono centrali nella transizione alla green economy" e che sono determinanti "nell'elettrificazione globale e nei processi di digitalizzazione", La richiesta è destinata a mettere pressione al gruppo, che il 2 dicembre tiene il suo investor day e a cui Bluebell chiede anche interventi di semplificazione della struttura societaria, di miglioramento della governance e la cessione del business agricolo di Viterra.
    Le attività di Glencore nel carbone rappresentano il 30% dell'ebitda atteso nel 2021. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA