Energia:campus OpenZone Milano, nuova centrale per risparmio

Attesa riduzione consumi petrolio e emissione anidride carbonica

Redazione ANSA MILANO

(ANSA) - MILANO, 16 DIC - Si sono conclusi i lavori per la realizzazione della nuova centrale tecnologica di Openzone, campus scientifico a Bresso (Milano), che si inserisce nel piano di espansione del campus della salute, che coprirà una superficie di 37.000 metri quadrati entro il 2021, grazie a un investimento complessivo di 65 milioni di euro.
    Il risultato è una riduzione attesa sia del consumo annuo di petrolio (- 900 tonnellate equivalenti), che delle emissioni di anidride carbonica (pari a 800 tonnellate l'anno), con una diminuzione dei costi del 40% circa rispetto a una soluzione tradizionale. Ad oggi, OpenZone è sede di 29 imprese tra cui importanti realtà biotecnologiche, farmaceutiche e di terapia genica avanzata, fortemente orientate alla ricerca e all'innovazione, con competenze qualificate e riconosciute a livello internazionale, dispone di 16.500 mq dedicati ad uffici, 10.500 metri quadrati di laboratori (di cui 1.600 Good Manufacturing Practices) e ospita 600 persone, che diventeranno 1.200 nei prossimi due anni.
    Il cammino prosegue ora con la realizzazione di due torri con spazi dedicati a laboratori di ricerca tecnologicamente avanzati e a progetti imprenditoriali per startup con soluzioni innovative nel campo della salute. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA