Coronavirus: Lombardia, ok passeggiate disabili in sicurezza

Monti, va evitato il rischio di un loro peggioramento

Redazione ANSA MILANO

(ANSA) - MILANO, 26 MAR - Le persone "con gravi disabilità intellettive, con disturbi dello spettro autistico e patologie psichiatriche ad elevata necessità di supporto" potranno uscire di casa "per brevi passeggiate e spostamenti". Sono queste le indicazioni contenute in una circolare inviata a tutte le Ats e Asst dalla Direzione generale Welfare di Regione Lombardia. Lo rende noto il presidente della commissione regionale Sanità Emanuele Monti, che ha sollecitato il chiarimento. "Si tratta di prestare particolare attenzione alle persone che hanno queste fragilità - spiega Monti - che vivono forti problematiche già in situazioni normali e possono subire le restrizioni, dovute alla quarantena, con maggiore danno. Non possiamo ignorare la loro problematica e il rischio di un loro peggioramento".
    In base alla circolare, la possibilità di uscire dovrà essere autorizzata dallo specialista di riferimento (area neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza, disabilità adulta e psichiatria). L'accompagnatore dovrà adottare tutte le misure di prevenzione indicate (in particolare mantenimento della distanza interpersonale, utilizzo di dispositivi di protezione individuale) e compilare il modulo di autocertificazione predisposto dal Ministero dell'Interno dichiarando che lo spostamento, a piedi o con mezzo privato, risponde a motivi di salute. L'accompagnatore dovrà inoltre portare con sé, per ogni eventuale controllo, l'autorizzazione certificativa dello specialista di riferimento e copia del certificato di invalidità o l'attestazione di disabilità. Né la persona interessata né l'accompagnatore devono presentare alcuna sintomatologia febbrile o respiratoria, né essere sottoposti a regime di quarantena domiciliare.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA