Imprese: Ue stringe su rispetto diritti umani e ambiente (2)

Redazione ANSA BRUXELLES

(ANSA) - BRUXELLES, 23 FEB - Per le aziende di grandi dimensioni è previsto un piano per garantire che la loro strategia commerciale sia compatibile con la limitazione del riscaldamento globale a 1,5 ºC in linea con l'accordo di Parigi.
    Perché la due diligence diventi parte del funzionamento societario si prevede anche che gli amministratori abbiano il compito di supervisionarle l'attuazione delle nuove regole di validazione e di integrarle nella strategia aziendale.
    L'obiettivo che i direttori delle società tengano conto dei diritti umani, dei cambiamenti climatici e delle conseguenze ambientali delle loro decisioni. Al rispetto della due diligence di sostenibilità dovranno anche venir legate le componenti variabili degli stipendi dei manager.
    Quanto alle aziende dei settori 'ad alto impatto', per le quali scatteranno le nuove regole in un secondo tempo, si parla di imprese attive ad esempio nel tessile, nell'agricoltura o nell'estrazione mineraria.
    Un impatto indiretto è poi previsto anche per le pmi (direttamente non obbligate alla due diligence di sostenibilità), con l'attesa di uno sviluppo di siti web, piattaforme o portali dedicati. La Commissione potrà poi fornire orientamenti e integrare il sostegno fornito dagli Stati membri con nuove misure, tra cui l'assistenza alle imprese dei paesi terzi.
    Nel complesso saranno oggetto della direttiva circa 9.400 grandi aziende Ue, oltre ad altre 3.400 aziende 'medie' ma attive in settori ad alto impatto. Coinvolte poi circa 2.600 aziende non Ue, con altre 1.400 'medie' ad alto impatto.
    La proposta mira a garantire che l'Unione, compresi i settori pubblico e privato, agisca sulla scena internazionale nel pieno rispetto dei suoi impegni internazionali in materia di protezione dei diritti umani e di promozione dello sviluppo sostenibile, nonché le norme sul commercio internazionale. La Commissione accanto alla 'proposta di due diligence sulla sostenibilità delle imprese diffonde oggi anche una comunicazione sul lavoro dignitoso a livello mondiale, che definisce politiche interne ed esterne utilizzate dall'Ue utilizza per attuare un lavoro dignitoso a livello mondiale, ponendo questo obiettivo al centro di una ripresa inclusiva, sostenibile e resiliente dalla pandemia. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA