ASviS

Responsabilità editoriale di ASviS

I paradossi della sostenibilità comunicata e agita

Il rapporto pubblicato da Consumer Lab, “Sostenibilità alla sbarra” fa una fotografia dello stato di avanzamento della trasformazione sostenibile delle imprese e sulle influenze che orientano i consumi.

ASviS

Il centro studi ConsumerLab ha pubblicato in ottobre il rapporto “Sostenibilità alla sbarra”, che mette in evidenza le diverse criticità che impediscono o rallentano da una parte l’adeguato riscontro ai presupposti del Next Generation Eu della stragrande maggioranza delle imprese, e dall’altra il corretto coinvolgimento dei cittadini consumatori. L’intento e? quello di approfondire e chiarire le tematiche che supportano la trasformazione sostenibile del modo di produrre e consumare, per stimolare una riflessione sullo stato dell’arte. Il Rapporto rappresenta il punto di partenza per il prossimo Congresso 2022 “Future respect, imprese sostenibili, pratiche il confronto”, un incontro di idee ed esperienze per promuovere la cultura della sostenibilità tra tutti gli stakeholder: economia pubblica e privata, terzo e quarto settore, cittadini consumatori ed esperti. Una attenta analisi della realtà evidenzia, secondo il Rapporto, che “stiamo gestendo in maniera superficiale e comoda le esigenze fondamentali della trasformazione sostenibile”. I paradossi del percorso verso la transizione ecologica. ConsumerLab evidenzia nel report alcuni paradossi che confermano che l’impegno per la trasformazione sostenibile e? ancora blando e stressato dal marketing. Il documento rileva innanzitutto la scarsa diffusione dei Bilanci di sostenibilità: il numero di quelli redatti è irrisorio rispetto alle imprese che sarebbero nelle condizioni di produrlo. Il rapporto tra i Bilanci di sostenibilità pubblicati e imprese con piu? di 20 addetti è dell’1,76%; il rapporto dei Bilanci di sostenibilità pubblicati e imprese con più di dieci addetti è dello 0,63%. Oggi solo le imprese d’interesse pubblico (meno di 200) sono obbligate a redigere un bilancio, o meglio, una Dnf - Dichiarazione non finanziaria. Presto il numero aumenterà quando verranno introdotti (nel 2023) obblighi quantitativi (addetti, fatturato e patrimonio) molto piu? ampi: le imprese, dunque, devono cominciare a prepararsi.

Un secondo paradosso rilevato dal Rapporto e? che oltre il 20% delle pubblicità? delle imprese parla di sostenibilità?: una “comunicazione fuorviante”, perché? non ha riscontro in maniera concreta e dimostrata. Inoltre, il report rileva nel corso del 2021 una tendenza in calo dei contenuti con riferimenti alla sostenibilità?. Dimostrare la sostenibilità? di un’impresa non e? certamente facile; si tratta di attività? e processi che non possono essere rappresentate da claim. Il fatto che sia un requisito sempre piu? apprezzato spinge talvolta alla strumentalizzazione e alla superficialità.

Il terzo paradosso e? che solo una minoranza dei cittadini consumatori ha cognizioni sufficientemente chiare della sostenibilità e la maggioranza di questi la riduce al rischio ambientale legato all’inquinamento di aria e acqua e al cambiamento climatico. “La parola sostenibilità? e? sulla bocca di tutti ma pochi sanno veramente in cosa consista”, osserva il Rapporto, che evidenzia anche come i media puntino sulle “notizie ad effetto”, spingendo un tipo di comunicazione che agisce sulle intenzioni e poco sui comportamenti che restano condizionati dai bisogni nell’immediato e dalla quotidianità.

Oltre gli slogan. La sostenibilità? potrà? dunque affermarsi solo se riuscirà a dare risposte prima economiche, poi sociali e infine ambientali. E perché? ciò avvenga occorre un percorso pragmatico, costruito sulla base di fatti e misurazione d’impatti, non sugli slogan o rincorrendo trend. “Le imprese cercano di vestirsi in ogni modo di sostenibilità? come se fosse una nuova certificazione di qualità?”, ma il vero e profondo concetto e? raramente centrato. Attività? marginali di scarso interesse pubblico non bastano per accreditarsi come sostenibili. Si rende necessario un controllo terzo, preferibilmente pubblico, che smascheri con severità? la comunicazione fallace o addirittura ingannevole. Un primo passo fondamentale per diffondere la cultura della sostenibilità e? quello di semplificare le narrazioni con cui le imprese si manifestano sostenibili.

Rispetto e inclusività. Questi due elementi sono le chiavi di volta che determinano la convergenza tra cittadini consumatori e imprese in uno speciale equilibrio e armonia. I primi per cambiare il modo di consumare senza sprechi e ridondanze, consapevoli di scelte responsabili; le seconde per mutare il modo di produrre creando valore pulito che genera profitto equo senza esternalità. La produzione e il consumo vanno dunque viste come investimento a sostegno dello sviluppo sostenibile e come etica per il futuro.

Scarica il Rapporto

 

di Monica Sozzi

Responsabilità editoriale e i contenuti sono a cura di ASviS

Archiviato in


Modifica consenso Cookie