Oltre 100 vertenze in Abruzzo, migliaia lavoratori coinvolti

Ranieri (Cgil), con crisi Covid aziende potrebbero delocalizzare

(ANSA) - PESCARA, 15 AGO - Oltre cento, le vertenze aziendali in corso in Abruzzo: a quelle vecchie, come la Honeywell, la Intecs o la Pilkington, si aggiungono le nuove nell'ambito della crisi da Covid-19, come quelle Yokohama o Betafence. Il risultato è che, in questo Ferragosto, in tutta la regione migliaia di lavoratori non hanno certezze sul futuro. "La situazione è pesante - dice il segretario regionale Cgil Abruzzo Molise Carmine Ranieri - ci sono multinazionali che hanno annunciato la chiusura. E' un segnale molto preoccupante: con la crisi Covid potremmo avere realtà che, per scelte puramente aziendali, decideranno di ridurre la filiera e delocalizzare.
    Alle vecchie vertenze che non hanno trovato soluzione se ne aggiungono di nuove. Migliaia gli interessati. Quando chiude una grande impresa c'è sempre un effetto moltiplicatore negativo per l'indotto". "A settembre ci sarà da lavorare intensamente.
    Dovremo cercare di aiutare anche le Pmi, che hanno un ruolo fondamentale in Abruzzo. L'occupazione dovrebbe essere rilanciata anche con investimenti pubblici. Penso al Masterplan: quegli interventi dovrebbero partire subito e invece sono stati de-finanziati" conclude Ranieri. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie